Prima trasferta per la Pro Patria. Feralpi col 433 o 4312? Vargas: “Noi saremo comunque pronti”

Bustocchu al Lino Turina di Salò domani, sabato 10 settembre, ore 17.30, per affrontare i Leoni del Garda guidati dall'ex Inter Stefano Vecchi. Avversari dal centrocampo temibile e con tanti gol nelle gambe. "Al completo la Pro Patria è una squadra forte"

Pro Patria - Arzignano 1 a 1

Prima trasferta e prima vittoria cercasi per la Pro Patria, in campo domani – sabato 10 settembre, ore 17:30 – nella tana dei Leoni del Garda, ovvero lo stadio Lino Turina di Salò.

Dopo il pareggio casalingo contro la new entry Arzignano, squadra forse non bella da vedere ma molto ben organizzata sul rettangolo di gioco, i Tigrotti di Busto Arsizio dovranno alzare ulteriormente l’asticella tecnico-tattica nel “derby” dei grandi predatori lombardi di Serie C (a questa speciale lista, per completezza, bisogna aggiunger anche le Pantere del Renate).

Gerarchie linneane a parte, ciò che realmente deve interessare ai biancoblù è che la Feralpi è una squadra in forte ascesa, reduce non solo dalla vittoria inaugurale in casa dell’AlbinoLeffe (0-1), ma soprattutto dalla conferma del blocco di giocatori autori la scorsa stagione di un ottimo campionato. Il gruppo guidato dall’ex panchina interista Stefano Vecchi (il suo interregno in panchina è stato tra quello di De Boer e Pioli) ha effettuato il proprio record di punti (69 terza nel Girone A, ndr), registrato lo scorso aprile proprio ai danni della Pro Patria, quando a Salò i padroni di casa impiegarono appena 30 minuti per domare i bustocchi.

Discorsi che importano relativamente poco al nuovo mister della Pro Patria Jorge Vargas, che ha nella conferenza stampa di oggi ha confermato di essere un allenatore concentrato solo sul “momento presente“, ovvero di partita in partita. Motivo per cui anche tutti i discorsi di un possibile turnover in vista del turno infrasettimanale di martedì contro il Mantova sono rimandati almeno, a domenica mattina.

«In settimana abbiamo analizzato gli errori fatti contro l’Arzignano – commenta Vargas tornando alla gara dello Speroni -: c’è mancata lucidità e abbiamo commesso, forse anche per la tensione della prima gara in campionato, errori che non avevamo mai fatto durante l’estate. Siamo comunque stati bravi a rimediare lo svantaggio. La FeralpiSalò ha maggiore qualità tecnica, ha cambiato pochissimi uomini e tutti i giocatori sono “di categoria”, saranno fare un buon calcio».

«Farsi trovare pronti» diventa quindi il nuovo mantra della squadra, consapevole che in uno stadio come il Lino Turina gli errori visti sabato scorso (pasticcio di Sportelli in primis) si pagano a un prezzo ancora più caro, quello della sconfitta.

«Sappiamo che i nostri avversarsi giocano sia col trequartista (Siligardi, 4312) ma che anche all’occorrenza passano anche alle tre punte (433). Noi siamo pronti ad affrontarli con entrambe le alternative; sappiamo quello che dobbiamo fare e che bisogna entrare forti in campo, con la nostra personalità».

Come giocherà invece la Pro Patria? Per sua stessa ammissione Vargas ha dichiarato proprio oggi, forse con un filo di pre-tattica, che la scelta di sabato di schierare Gavioli nel 3511, rinunciando a una seconda punta come Stanzani, è stata un’intuizione del momento, «per permettere a Piu di attaccare l’area potendo fare affidamento su un giocatore forte, in grado di saltare le difese».

In effetti, l’esperimento con quattro centrocampisti aveva porta un marcato miglioramento nella prestazione dei tigrotti, più equilibrati in cambio pur senza essere in grado di cambiare le sorti del risultato almeno fino al gol dello svantaggio targato dal bluceleste Granfoldo, rete nata tuttavia da un errore in impostazione del difensore Sportelli. Considerato il lungo stop del numero 9 Parker e il rientro praticamente certo del regista Bertoni (si attendono ancora le convocazioni, ndr) questa variante del 352 rientra così in un ventaglio di scelte pronosticabili. Anche perché le probabilità di vedere il Cobra Zigoni, accasatosi alla Juve Stabia, con la maglia della Pro Patria sono ormai del tutto sfumate e il ds Sandro Turotti è ritornato a scrutare la lista degli svincolati alla ricerca di un attaccante che possa soddisfare le esigenze tattiche di Vargas.

«Al completo la Pro Patria è una squadra forte – sottolinea Vargas, che, come il predecessore Prina, deve già fare i conti con una rosa in parte dirotta in infermeria -. Penso che gli infortuni siano dovuti alle condizioni del campo di gioco? No, ho visto campi peggiori in Serie A, la fatalità esiste sempre e spesso gli infortuni peggiori capitano in allenamento, il livello di tensione e concentrazione è diverso».

DIRETTA VN

La diretta testuale dell’incontro inizierà domani su VareseNews. Come sempre potrete partecipare al nostro liveblog commentando in tempo reale la sfida o interagendo con l’hashtag #DirettaVn sui social

ARBITRI

Sarà Andrea Zanotti della Sezione di Rimini ad arbitrare Feralpisalò – Pro Patria.

A completare la terna, gli assistenti Emilio Micalizzi della Sezione di Palermo e Antonino Junior Palla della Sezione di Catania. Quarto Ufficiale Andrea Migliorini della Sezione di Verona.

CLASSIFICA (giornata #2)

Vicenza 3, SG City 3, Novara 3, Juventus NG 3, Pordenone 3, Pergolettese 3, FeralpiSalò 3, Pro Vercelli 3; Lecco 1, Virtus Verona 1, Arzignano 1, PRO PATRIA 1; Piacenza 0, Padova 0, AlbinoLeffe 0, Mantova 0, Renate 0, Trento 0, Triestina 0, Pro Sesto 0.

 

 

di marco.cippio.tresca@gmail.com
Pubblicato il 09 Settembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore