Fontana-Moratti, per il rebus candidature si guarda al Governo. Un sondaggio dà la vicepresidente vincente in Lombardia

Nei lavori di formazione del nuovo Governo a guida Meloni in molti sperano che possa spuntare un incarico per la numero due di palazzo Lombardia anche perché, diversamente, le cose per il centrodestra si farebbero difficili

fontana moratti

Sono ore cruciali nel centrodestra lombardo perché il rebus delle candidature in vista delle elezioni regionali 2023 si intreccia con l’ultimo grande passaggio in grado di cambiare le carte in tavola: la formazione del Governo nazionale.

L’empasse è sui nomi di Attilio Fontana e della sua vice Letizia Moratti, determinata a candidarsi a presidente poiché così, ha dichiarato più volte, le era stato promesso quando accettò di subentrare nella giunta di Regione Lombardia.

Ora, dopo uno scontro molto acceso tra i due nelle scorse settimane, nuove dichiarazioni cercano di stemperare, come quella di ieri del Presidente Fontana che ai giornalisti che chiedevano del rapporto tra i due ha detto: “Letizia Moratti? Mai stata tensione tra di noi. Lavoriamo benissimo insieme”.

Il momento, però, è cruciale: proprio nei lavori di formazione del nuovo Governo a guida Meloni in molti sperano che possa spuntare un incarico per la numero due di palazzo Lombardia anche perché, diversamente, le cose per il centrodestra si farebbero difficili.

Lo conferma anche l’ultimo sondaggio Winpoll commissionato per Scenari Politici tra il 7 e il 13 ottobre. Un sondaggio effettuato su 1.700 cittadini maggiorenni lombardi con interviste telefoniche che mostra un quadro politico molto chiaro sulla situazione pre elettorale in lombardia.

Il 47% dei lombardi, promuove l’operato della giunta guidata da Attilio Fontana, ma solo il 31% dei Lombardi, secondo il sondaggio Winpoll, pensa che il governatore uscente debba ricandidarsi. Di questi, il 50% degli elettori forzisti e il 42% degli elettori di fratelli d’Italia, pensa che Attilio Fontana non debba correre per un secondo mandato.

Sono stati poi sondati il livello di conoscenza e fiducia di 4 possibili candidati presidente. A guidare la classifica è Cottarelli (59%), seguito da Letizia Moratti (57%), quindi il sindaco di Milano (55%) e distanziato Attilio Fontana (44%).

Sulle intenzioni di voto sono stati poi realizzati tre scenari. Nel primo Letizia Moratti per il centrodestra contro Carlo Cottarelli per il centrosinistra, mentre il secondo in cui per il centrosinistra il candidato è Beppe Sala. Risultato: In entrambi i casi vincerebbe Letizia Moratti rispettivamente con un margine di 15 e di 19 punti sugli avversari.

Un terzo scenario vede invece Attilio Fontana per il centrodestra e Letizia Moratti appoggiata da terzo polo, lista Moratti e Partito Democratico. Anche in questo caso è Letizia Moratti ad avere la meglio con oltre 12 punti di vantaggio su Attilio Fontana (47,8% a 35,3%).

Sono state infine sondate le liste in vista delle elezioni regionali. A guidare la classifica Fratelli d’Italia (23,7%), seguita dal PD (20,1%) con al terzo posto la Lista Moratti (11,8%) che supera la Lega.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 Ottobre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore