Varese News

Protezione Civile, conclusa la settimana all’insegna della sensibilizzazione e della formazione

“Io non rischio” si è conclusa: il Consigliere Barcaro fa il punto della situazione e invita al prossimo corso per Sindaci e funzionari varesini che si occupano di Protezione civile

Generico 17 Oct 2022

La settimana appena conclusa, dal 10 al 16 ottobre, ha visto la Protezione Civile attiva nelle piazze per la sensibilizzazione dei cittadini sulle buone pratiche da adottare per ridurre l’impatto dei rischi in caso di calamità naturali e per diffondere la cultura di Protezione Civile.

Su diverse piazze del territorio varesino erano presenti i gazebi gialli dell’iniziativa, dove i volontari appositamente formati condividevano “pillole di esperienza” sui rischi naturali che troppo spesso colpiscono i territori italiani.

Contestualmente alla settimana di “Io non rischio”, la Provincia di Varese e la Colonna Mobile Provinciale, insieme ad altri Enti istituzionali ed associazioni che trattano il tema della sicurezza, hanno aderito al progetto di AIME (Associazione IMprenditori Europei) prendendo parte al “Villaggio della Sicurezza”, una cittadella appositamente realizzata presso i Giardini Estensi di Varese.

Colonna Mobile Provinciale, in tale occasione, ha illustrato l’organizzazione nella quale il volontariato di Protezione Civile sta esprimendo le sue potenzialità alla cittadinanza, in particolare a migliaia di studenti delle scuole di ogni ordine e grado che hanno visitato il “Villaggio”. L’esposizione dei mezzi d’opera dei vari moduli specialistici, la presenza di decine di volontari ad essi afferenti, la divulgazione delle attività formative e informative, la possibilità di illustrare anche al mondo scolastico la complessa materia in modo molto semplice e intuitivo contribuisce a rafforzare la consapevolezza nei volontari di Colonna Mobile di essere in un Sistema che può fare la differenza in caso di soccorso e può essere di supporto nell’educare un “cittadino consapevole”.

La scorsa settimana è stata, anche, l’occasione di una continua attività formativa nella quale, a rotazione, si sono avvicendate circa 160 persone/giorno con un picco di presenze domenica 16 ottobre. Di queste 160 persone, 65 erano volontari appartenenti a diverse realtà organizzative comunali che costituiscono una componente importante di Colonna Mobile Provinciale. Nel dettaglio, si sono svolte le prove di trasmissioni radio con il modulo Telecomunicazioni, tra Sala radio e sei unità esterne; si sono attivati e coordinati altri mezzi operativi di Colonna Mobile in movimento tra diversi comuni (Biandronno e Buguggiate); è stato gestito il trasferimento di volontari con altri automezzi operativi presso il comune di Varese; è stato attivato il modulo Segreteria, il modulo Cucina e il modulo Logistica; è stata fatta esperienza della sinergia tra Funzionari e Volontariato, fino a uno “stress test” finalizzato alla valutazione del grado di cooperazione raggiunto tra gli i volontari sia per quanto riguardano i rapporti relazionali che la conoscenza della catena di comando: tutte attività che fanno la notevole differenza nelle vere operazioni di emergenza e soccorso.

«Grazie a questo modello organizzativo convenzionato con i comuni aderenti, qual è Colonna Mobile Provinciale – illustra il consigliere Alberto Barcaro – l’ente istituzionale provinciale esercita compiutamente l’organizzazione e il concorso alle attività per il superamento dell’emergenza, i servizi urgenti di soccorso, l’attivazione, la direzione e coordinamento del volontariato di protezione civile, la formazione e l’informazione, la previsione e la prevenzione dei rischi, la pianificazione di area vasta, il supporto ai comuni, il coordinamento, la gestione del Centro Polifunzionale delle Emergenze /CPE che, nel nostro territorio, è localizzato alle Fontanelle in Malnate».

«Sono molte le attività che Provincia di Varese svolge in ambito di Protezione Civile e che grazie alla preziosa disponibilità dei volontari, nonché quella altrettanto preziosa del Settore Provinciale, non si potrebbero effettuare: competenza e professionalità, ruoli e funzioni, servizio pubblico e disponibilità di privati cittadini organizzati, gioco di squadra, lealtà, sono la risposta vincente del Sistema di Protezione civile provinciale che il modello di Varese sta mettendo in campo nella sua concreta e piena potenzialità. Colgo l’occasione per segnalare che verso la fine di gennaio 2023 si svolgerà un primo corso formativo dedicato a Sindaci e funzionari che si occupano di Protezione civile nei comuni del territorio varesino per meglio comprenderne lo sviluppo e le dinamiche in atto», conclude Barcaro.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 Ottobre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore