Il dipartimento di Economia dell’Università dell’Insubria è tra le eccellenze selezionate dal Ministero

Sarà tra i beneficiari del fondo complessivo di 271 milioni di euro annui stanziati dal Mur per incentivare l’attività delle università che si distinguono per l’eccellenza nella ricerca e nella progettualità scientifica

insubria monte generoso

Il Dipartimento di Economia dell’Università dell’Insubria è tra i 180 Dipartimenti di eccellenza selezionati dal Ministero dell’Università e della ricerca, all’ottavo posto in Italia nell’area delle Scienze economiche. Questo significa che dal 2023 al 2027 il Dipartimento di Economia sarà tra i beneficiari del fondo complessivo di 271 milioni di euro annui stanziati dal Mur per incentivare l’attività dei Dipartimenti delle università statali che si distinguono per l’eccellenza nella ricerca e nella progettualità scientifica, organizzativa e didattica.

Il percorso verso questo importante traguardo inizia a maggio, quando l’Anvur, Agenzia nazionale di valutazione dell’università e della ricerca, inserisce il Dipartimento di Economia dell’Insubria nella classifica preliminare dei 350 ammessi al bando ministeriale per il «Fondo per il finanziamento dei Dipartimenti universitari di eccellenza», stabilito con la Legge 232 dell’11 dicembre 2016. L’Indicatore standardizzato di performance dipartimentale (Ispd) è calcolato a partire dai risultati della valutazione della qualità della ricerca (Vqr) 2015–2019.

In seguito i 350 dipartimenti candidati presentano i loro progetti, esaminati da una commissione di sette esperti che, combinandone la valutazione (massimo 30 punti) con il valore dell’Ispd (massimo 70 punti), stila la graduatoria finale dei 180 Dipartimenti di eccellenza resa nota il 28 dicembre.

«Un risultato eccezionale per l’Università dell’Insubria – commenta il rettore Angelo Tagliabue –, un risultato meritato, ottenuto con impegno e determinazione dal direttore del Dipartimento di Economia Maria Pierro e dalla sua squadra. L’eccellenza del Dipartimento di Economia è un valore per tutto l’Ateneo, motivo di orgoglio in questo venticinquesimo anno accademico che abbiamo inaugurato alla presenza del Presidente della Repubblica e che ci riserva nuove opportunità di crescita».

Il direttore del Dipartimento di Economia Maria Pierro condivide la sua grande soddisfazione: «Ringrazio tutti i componenti del Dipartimento di Economia, e in particolare la commissione Dipartimento di eccellenza coordinata da Raffaello Seri e composta da Paolo Zuddas, Andrea Bellucci e Paolo Castelnovo, i membri delle sottocommissioni Alessia Pisoni, Anna Pistoni, Alfredo Biffi, Francesco Sacco; Matteo Rocca, Elisa Mastrogiacomo, Fabio Vanni; Astrid Gamba, Elena Maggi, Anna Cecilia Rossa, Andrea Vezzulli; Alba Fondrieschi, Pietro Falletta, Stefano Zagà, nonché tutti gli altri colleghi che hanno contribuito, in vario modo, alla elaborazione e stesura del progetto. Un sentito ringraziamento anche al gruppo di lavoro tecnico-amministrativo che ci ha supportati. Il merito è di tutti noi. Ci abbiamo creduto, abbiamo lavorato senza risparmio. Ora inizia la parte più impegnativa. Ci aspetta un quinquennio di ricerca, progettazione e ulteriore crescita».

Il progetto di ricerca presentato dal Dipartimento di Economia per diventare Dipartimento di eccellenza è dedicato allo studio dei modelli decisionali e comportamentali in un contesto di incertezza: innovazione ed evoluzione dei sistemi economici. L’intento è comprendere i meccanismi decisionali di imprese e individui in condizioni di crisi (sanitaria, energetica, ambientale, guerra) e il modo in cui gli attori rispondono alle politiche pubbliche (incentivi economici e interventi legislativi) adottate per mitigarne gli effetti; e contestualmente analizzare e interpretare le decisioni manageriali in ordine alle soluzioni innovative. Tutto allo scopo di consentire ai policy-makers di individuare i settori chiave e le potenziali innovazioni da supportare, prevedere la risposta comportamentale degli individui e delle imprese rispetto alla loro adozione e, quindi, valutare adeguatamente le politiche per il loro sostegno.

Il Dipartimento di Economia ha intenzione di costituire tre strutture di ricerca dedicate al progetto: l’InsIDE (Insubria Information & Data for Economics) Lab, per gestire i dati secondari e offrire assistenza nella raccolta di dati primari e strumenti statistici di base e potenza di calcolo; il MP4I (Management Practices for Innovation) Lab per realizzare la mappatura e lo studio dell’evoluzione degli ecosistemi innovativi; l’InExEc (Insubria Experimental Economics) Center per studiare le decisioni e i comportamenti degli agenti economici svolgendo esperimenti di laboratorio, esperimenti sul campo e indagini campionarie.

Al Dipartimento di Economia sono attivi il corso di laurea triennale in Economia e management dell’innovazione e della sostenibilità e i corsi magistrali in Economia diritto e finanza d’impresa e in Global entrepreneurship economic and management (Geem) in lingua inglese.

Per consultare l’elenco dei progetti dei dipartimenti ammessi a finanziamento per Dipartimenti di Eccellenza 2023–2027: CLICCA QUI

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 Dicembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore