Varese News

La Cittadella dello sport di Gallarate è pronta a partire

Via libera al progetto esecutivo del piano che prevederà la costruzione di un campo da calcetto e uno multifunzionale, un’area ludica, una Club House per accoglienza e spogliatoi e i parcheggi

cittadella dello sport gallarate

Oggi è un grande prato incolto, nel 2024 diventerà la cittadella dello sport di Gallarate. È infatti pronto a partire il lavoro che – in due lotti – porterà al rifacimento dell’area intorno e all’interno dello stadio Azzurri d’Italia fino al Parco delle Azalee.

L’amministrazione comunale ha infatti dato il via libera al progetto esecutivo del piano che prevederà la costruzione di un campo da calcetto e uno multifunzionale, un’area ludica, una Club House per accoglienza e spogliatoi e i parcheggi.

«Questo primo lotto vedrà l’aggiudicazione entro marzo e i lavori dureranno circa un anno –spiega l’assessore Claudia Mazzetti– per un investimento complessivo di un milione e mezzo di euro finanziato con i fondi del PNRR”. L’assessore sottolinea anche ciò che non si vedrà ma che è importante: «Tutta la struttura sarà a impatto zero. Sopra la club house un impianto fotovoltaico produrrà tutta l’energia necessaria e l’intero intervento sarà a zero invarianza idraulica. Questo vuoi dire che l’acqua piovana verrà raccolta in pozzi perdenti e rilasciata direttamente sul posto, senza andare ad appesantire le fognature. In più sono previste barriere fonoassorbenti a protezione dei palazzi vicini».

Questo lotto verrà poi affiancato da un secondo, sempre nel perimetro del PNRR, che vedrà il rifacimento della pista di atletica e la ristrutturazione degli spalti per il pubblico. «In questo caso l’intervento è di un milione di euro, del quale 750.000 saranno solo per la pista», precisa Mazzetti. Anche in questo caso il progetto esecutivo è in dirittura d’arrivo e il cantiere dovrebbe accavallarsi con l’altro.

«Il ringraziamento di tutta l’amministrazione va ai nostri uffici tecnici –commenta l’assessore al bilancio, Corrado Canziani– perché in questi anni abbiamo portato 40 milioni di contributi e abbiamo il problema di metterli a terra. Cosa che riusciamo a fare solo grazie al loro lavoro. Una notazione di merito è obbligata e doverosa. Poi le opposizioni dicono che non abbiamo visione, ma mi sembra che questo è l’esempio che la abbiamo».

cittadella dello sport gallarate

di
Pubblicato il 29 Dicembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore