L’Asst Valle Olona pubblica i bandi per i primari di ortopedia a Saronno e di cardiologia a Gallarate

Con i due concorsi si spera di risolvere il problema dei posti vacanti che ha creato frizioni interno all'azienda. Sindacati e direzione trvano un accordo per una politica di gratificazione ai medici

ospedale di busto

L’Asst Valle Olona blinda i suoi specialisti. In un’epoca di “grande fuga” dalla sanità pubblica, la direzione strategica e i sindacati hanno definito alcune modalità per incentivare gli specialisti a rimanere in azienda: « Grazie al POAS ( il piano strategico e organizzativo ) sono state previste strutture dipartimentali che, una volta approvate dalla Regione, comportano la definizione delle posizioni apicali – spiega il segretario aziendale di ANAAO della Valle Olona Giovanni Gaudio – Alcune sono state approvate e si sono già perfezionate le nomine, altre arriveranno nelle prossime settimane. Così si definiranno anche le strutture semplici. A queste, abbiamo raggiunto un accordo sull’utilizzo dei fondi aziendali a disposizione per le alte e le altissime professionalità. Sono strumenti a disposizione di ogni Asst per assegnare riconoscimenti al proprio personale».

Intanto si stanno definendo delle strategie per ovviare anche alle due gravi problematiche che si sono aperte a Saronno, per la carenza di ortopedici, e a Gallarate con il pensionamento del primario di cardiologia.

Per Saronno è stato emanato un bando per l’individuazione di un primario così da rilanciare l’attività: nel frattempo, l’attività viene svolta con il supporto degli specialisti di Busto Arsizio che garantiscono la seconda reperibilità lavorando, però, dal proprio presidio di Busto. Uguale strategia a Gallarate dove  l’azienda ha chiesto e ottenuto da Regione un’autorizzazione urgente per indire il concorso di primario di cardiologia e ricostruire una nuova squadra attorno allo specialista che sarà individuato.  

Entrambi i concorsi prevedono che termini per la presentazione della domanda scadano il 2 gennaio. Immediatamente dopo l’inizio dell’anno, per quella che, si spera, sia la soluzione veloce alle due criticità.

di
Pubblicato il 12 Dicembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore