Pro Patria in trasferta a Piacenza. Vargas: “Siamo in fiducia, ma la partita è pericolosa”

Domenica 11 dicembre, ore 21, i tigrotti di Busto Arsizio al Garilli in cerca del quarto risultato utile consecutivo contro un Piacenza in crisi dal punto di vista dei risultati e della classifica (penultima a 12 punti). L'allenatore analizza il match: "Non guardo la classifica, dobbiamo pensare sempre a fare punti"

Pro Patria - Triestina 6.11.22 (2-1)

Partite dalle mille insidie, quella di domani – domenica 11 dicembre, ore 21 – per la Pro Patria in trasferta allo stadio Garilli di Piacenza contro la penultima forza del girone A, sebbene i punti dei “lupi biancorossi” siano gli stessi, 12, del fanalino di coda Triestina. (Pro Patria decima a 25, ndr.)

Mille insidie perché la Pro Patria arriva da tre risultati utili consecutivi – di cui due le trasferta di Lignano e Zanica – e dopo un novembre difficile vede con un certo margine di distanza la zona playout (+6 e scontro diretto a favore sul Mantova), mentre il “Piace” non solo si ritrova in acque che solitamente non gli competono, e, soprattutto, è reduce da una frustante sconfitta di misura (1-0) contro la Pro Sesto, che priva gli emiliani di due elementi importanti come Munari (squalificato per espulsione) e, in attesa delle convocazioni di mister Scazzola, anche del centrocampista Palazzolo, uscito dal Breda per un infortunio.

«Siamo in fiducia,  arriviamo da una settimana positiva ma domani è una partita durissima contro una squadra che offensivamente è molto forte e che sta passando un periodo difficile – commenta l’allenatore dei bustocchi Jorge Vargas alla vigilia della trasferta, terzultima gara del 2022 -. Sappiamo che queste partite sono le più pericolose e difficili.  Noi però andiamo ad affrontare la partita per muovere la classifica».

Nell’analizzare gli avversari, che hanno a propria disposizione due moduli, il 4231 e il 352, collaudati grazie alla corsa degli esterni Rizza e Gonzi, Vargas ha sottolineato le virtù di una squadra che “avrebbe la possibilità di schierare due rose“, e che trova con una certa facilità la rete.

«Hanno messo a segno 24 reti, cosa che non hanno fatto tutte le squadre. Anche se a livello difensivo hanno fatto fatica in attacco e sugli esterni hanno giocatori forti. In questo hanno qualche assenza importante per i loro meccanismi di gioco ma nella loro rosa, come nella nostra, quando manca qualcuno c’è sempre qualcuno che aspetta la possibilità di giocare».

«25 punti nel girone di andata (due partite ancora da giocare) è già quota salvezza e segno di maturità? – risponde Vargas – Non guardo la classifica, pensiamo sempre a fare punti perché ogni partita ha i suoi punti in palio. Come squadra siamo contenti quando soffriamo il meno possibile e quando la partita è gestita da noi con il palleggio, se soffriamo un po’ c’è qualcosa che non va. A livello fisico stiamo bene, il preparatore atletico ha fatto un lavoro eccezionale. I ragazzi infortunati si stanno riprendendo bene e ci daranno una mano per le prossime partite».

di
Pubblicato il 10 Dicembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore