Situazione di allerta a Malpensa: molti i passeggeri positivi al Covid in arrivo dalla Cina

I test rimangono volontari e a pagamento in attesa dei risultati del sequenziamento. Nel caso il virus fosse una nuova mutazione possibili provvedimenti più restrittivi

Le otto postazioni per i tamponi a Malpensa

Su 92 passeggeri del volo Neos atterrato a Malpensa proveniente dalla Cina alle 6.20 di ieri sottoposti a tampone, 35 sono risultati positivi. Dei 120 del volo Air China arrivato allo scalo varesino alle 18.55 ben 62 sono risultati contagiati.

Quello che sta avvenendo in Cina preoccupa le autorità sanitarie italiane. E mentre il paese asiatico si appresta a riaprire completamente i confini, la Lombardia, in accordo con il Ministro della Salute Schillaci, ha deciso di alzare il livello di guardia. « Tutto dipende dal sequenziamento dei virus che sta eseguendo il laboratorio dell’Asst Sette Laghi – ha spiegato l’assessore al Welfare lombardo Guido Bertolaso che ha deciso di avviare l’indagine – Se farà parte di ceppi noti, allora si potrà procedere con un comportamento di cautela ma, se dovessero emergere virus sconosciuti, allora occorrerà prende provvedimenti più drastici».

La campagna di screening volontario e a pagamento avviata da regione Lombardia allo scalo di Malpensa, in accordo con i Ministeri degli Esteri e della Salute, è legata al crescente allarme per la nuova ondata pandemica che sta colpendo il gigante asiatico: « Oggi, in Lombardia abbiamo una incidenza molto bassa, 148 casi ogni 100.000 abitanti negli ultimi sette giorni – ha commentato Bertolaso – l’occupazione dei posti letto negli ospedali è sotto controllo: meno del 12% dei letti di medicina e il 2% di quelli di terapia intensiva. Per questo abbiamo voluto procedere con un’attività di monitoraggio, per avere dei numeri certi, delle statistiche che poi condivideremo con il Ministro Schillaci. Siamo in costante contatto e se dovesse emergere delle criticità ne daremo immediata comunicazione. Il ministro ha già alzato l’allerta e si attende solo il risultato degli esami per capire quali misure adottare».

Al momento, i passeggeri atterrati a Malpensa e risultati positivi, tutti cinesi o di origine cinese, sono stati segnalati alle autorità sanitarie dei territori di destinazione. Dovranno rispettare l’isolamento e verranno tracciati i contatti stretti. Le loro condizioni sono state giudicate buone: tutti sono asintomatici anche se l’abolizione della misurazione della temperatura non consente verifiche precise. 

A preoccupare, oggi come allora, è la scarsità di informazioni sull’ondata pandemica in atto in Cina: « In Italia sta circolando la variante Omicron, con una piccola quota ( il 16%) della variante cinese – spiega Bertolaso – i loro vaccini non hanno avuto un grande successo in termini di copertura soprattutto per le nuove varianti, mentre in Italia abbiamo vaccini aggiornati. Ecco perchè la nostra preoccupazione è soprattutto per nuove mutazioni, varianti sconosciute per i quali non siamo attrezzati. Come Regione abbiamo chiesto a tutti i laboratori di aumentare i sequenziamenti dei tamponi positivi che analizzano».

I risultati sono attesi per domani mattina. Allora potrebbe arrivare anche una decisione più restrittiva da parte dello stesso Ministero della Salute che oggi riferisce in Consiglio dei Ministri. 

di alessandra.toni@varesenews.it
Pubblicato il 28 Dicembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore