“Notizie rassicuranti” da Malpensa: tra i passeggeri positivi al Covid domina Omicron

I primi dati di analisi confermano che la variante in circolazione in Cina è prevalentemente quella già presente in Italia. Fontana rinnova l'invito alla quarta dose

area tamponi covid malpensa per chi arriva dalla cina

Regione Lombardia parla di «notizie rassicuranti» sul monitoraggio del Covid dalla Cina all’aeroporto di Milano Malpensa. Sono i dati che emergono dai campionamenti prelevati a Malpensa dai passeggeri del secondo volo del 26 dicembre e di quello del 29 dicembre, provenienti dalla Cina. «Si tratta sempre di sottovarianti di Omicron» annuncia il presidente della Regione Lombardia alla luce dell’esito delle analisi di sequenziamento.

Il volo del 26 dicembre, proveniente da Wenzhou aveva fatto riscontrare 62 positivi su 120 test, quello del 29 dicembre, proveniente da Tianjin, aveva invece registrato 26 positivi su 56 test.

«Attraverso questi dati – aggiunge l’assessore al Welfare – stiamo cercando di ottenere una fotografia di quanto sta accadendo in Cina. I passeggeri trovati positivi al Covid provengono da tre zone differenti del Paese asiatico: il primo del 26 dicembre da Nanchino, zona orientale, il secondo, sempre del 26, da Wenzhou, zona sudorientale, e il terzo, del 29 dicembre, da Tianjin, zona nord-est. Il fatto che i ceppi rilevati siano tutti di Omicron lascia intendere che questa sia la variante predominante, per la quale il popolo lombardo, e italiano in generale, è protetto grazie alla copertura vaccinale».

Proprio questa mattina (2 gennaio) all’una è arrivato un nuovo volo da Nanchino e questa sera ne arriverà un altro da Wenzhou. «Attendiamo di ricevere gli esiti anche di questo screening che ricordo essere finalizzato all’individuazione di eventuali nuove varianti. L’esperienza ci ha infatti insegnato che il virus si contrasta solo con la vaccinazione e la ricerca continua di mutazioni».

Da Palazzo Lombardia viene rinnovato l’appello ad effettuare la quarta dose di richiamo per evitare le conseguenze gravi della malattia.

In questi giorni l’autorità aeroportuale, l’Enac, è anche intervenuta a Malpensa per assicurare il rispetto delle norme sul costo dei tamponi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 Gennaio 2023
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore