Europei in Georgia, tra le “punte” dell’Italia c’è sempre Bordignon

L'atleta di Arsago Seprio gareggerà nella categoria dei 64 Kg dove l'avversaria da battere è la rumena Toma. In palio oltre alle medaglie anche punti importanti per le qualificazioni olimpiche

giorgia bordignon sollevamento pesi pesistica

Nuova tappa sulla strada delle Olimpiadi di Tokyo 2020 per una delle atlete di punta dello sport varesotto, anche se da anni vive in Puglia dove si è trasferita proprio per affinare le sue qualità atletiche. Giorgia Bordignon, la pesista di Arsago Seprio già 6a a Rio 2016 (categoria fino a 63 Kg), è partita oggi – giovedì 4 aprile – con tutta la nazionale in direzione di Batumi in Georgia, dove si disputeranno i Campionati Europei.

Bordignon, 31 anni, è una delle “punte” della squadra azzurra guidata dal direttore tecnico Sebastiano Corbu e a Batumi gareggerà nella categoria con limite di 64 Kg: la gara della portacolori delle Fiamme Azzurre è in programma martedì 9 aprile alle 16 ora italiana (le ore 18 locali) e vedrà la varesotta impegnata tra le altre contro la campionessa in carica, la rumena Loredana-Elena Toma. Tra le due, in sede di risultati di ingresso ai campionati, ci sono cinque Kg a favore di Toma (230 contro i 225 di Giorgia) ma per il podio sono accreditate anche la finlandese Vuohijoki, la russa Turieva, la britannica Davies e l’ungherese Jung.

Lo scorso anno, a Bucarest, Bordignon ottenne la medaglia d’argento nella gara dei 69 Kg: al comando dopo lo strappo, Giorgia venne rimontata e superata dalla svedese Strenius nello slancio e dovette accontentarsi (non senza qualche lacrima) di una comunque prestigiosa piazza d’onore.

L’appuntamento con gli Europei è importante, come detto, in ottica olimpica: la competizione è indicata come “categoria Gold” e mette in palio punteggi importanti, utili agli atleti che li possono accumulare per poi centrare la qualificazione per Tokyo. Ad assommare i punti non ci sarà solo il piazzamento finale ma anche il peso sollevato, motivo per cui sarà importante anche calibrare al meglio la propria gara ed essere oculati nelle scelte. La spedizione italiana si compone di dieci atleti tra i quali il plurititolato Mirco Scarantino e due giovani interessanti come Mirko Zanni e Nino Pizzolato.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 04 Aprile 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore