Varese News

Riparte la stagione camerisitica, venerdì il primo appuntamento

Venerdì 21 giugno il primo dei 5 concerti previsti dalla rassegna organizzata dall’Associazione Culturale Musikademia

icma villa calcaterra

Dopo i successi delle precedenti edizioni, l’Associazione Culturale Musikademia invita la cittadinanza bustocca ai cinque concerti gratuiti della “Stagione Cameristica 2019–Quarta Edizione” che si terrà, a partire dal prossimo 21 giugno, presso Villa Calcaterra (Viale Magenta, n. 70) e proseguirà fino a Ottobre 2019. 

La stagione è realizzata con il Patrocinio del Comune di Busto Arsizio e ha come sponsor lo Studio Vabri–Dottori Commercialisti, Studio Spreafico–Dottori Commercialisti Associati e Bianchi Stefano Assicurazioni.

«Le serate musicali saranno realizzate da musicisti di altissimo livello – spiega il Presidente dell’Associazione Culturale Musikademia Davide Bontempo – alcuni di essi sono collaboratori della nostra associazione (ottimi insegnanti e ottimi musicisti), altri ospiti di fama internazionale». «La quarta edizione della Stagione Cameristica è un’ottima notizia per Busto, una conferma importante, nel nostro palinsesto culturale, di cui la città è sempre più interlocutrice attenta, esigente e fruitrice raffinata – dichiara l’assessore all’Identità e Cultura Manuela Maffioli -. È anche con questa programmazione, di cui rendiamo merito a Musikademia, che la musica si conferma peraltro protagonista assoluta dell’estate “culturale”, con una programmazione, nelle nostre ville più belle come anche nelle piazze, in grado di accontentare i palati più diversi fino a settembre inoltrato».

Venerdì 21 giugno, alle ore 21.00, aprirà la Quarta Edizione della Stagione il Quartetto d’Archi Glenn Gould, nato nel 2011 dall’incontro di giovani musicisti (Michela Carù, Paolo Viganò, Michele Rinaldi e Marco Zanolini) accomunati dalla passione per la musica da camera e legati da una profonda amicizia, e con all’attivo la partecipazioni a moltissime stagioni musicali della Provincia di Varese quali “Vie Sacre”, “Viaggiando Liberty” , “Note di Lago”, “Musica in San Vincenzo” e “Musica nella chiesa di San Vito”.

Il concerto prevede l’esecuzione del Quartetto n°15 K 421 di W. A. Mozart e del Quartetto n°12 “Americano” Op. 96 di A. Dvorak: il primo, dedicato ad Haydn e completato nel giugno del 1783, condivide drammatiche atmosfere con capolavori quali il Concerto per pianoforte e orchestra n°20 K 466 e l’Ouverture del Don Giovanni; nel secondo quartetto, composto in America nel giugno del 1893, tutto scorre e si sviluppa limpidamente e lungo una scia di assoluta chiarezza di idee, con una straripante pienezza di temi che si articolano saldamente in una intelaiatura strumentale densa di timbri e di ritmi di viva suggestione.

Appuntamenti successivi:

Venerdì 12 luglio, ore 21.00 – Poesia in Musica (Gian Francesco Amoroso, Pianoforte – Emilija Minić, Soprano)

Venerdì 20 settembre, ore 21.00 – Invito all’Opera: omaggio a Giuseppe Verdi (Michela Carù e Gaia Ghidini, Violino)

Venerdì 11 ottobre, ore 21.00 – La Spagna ed il Romanticismo (Davide Bontempo e Nicholas Nebuloni, Chitarra Classica)

Venerdì 25 ottobre, ore 21.00 – La Serva Padrona (Davide Rocca, Baritono – Zoe Papas, Soprano – Michela Carù e Gaia Ghidini, Violino – Carmen Alegre Hernandez, Viola – Christine Cullen, Violoncello – Gian Luca Rovelli, Clavicembalo e Maestro Concertatore)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 Giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore