Ecco come sarà il nuovo Palaghiaccio

La consegna definitiva di tutto il progetto è fissata per il giugno 2021. Nel mezzo lavori per un totale di 22 milioni di euro. Ecco tutti i dettagli del progetto

Il progetto del nuovo Campus di Beata Giuliana

Dove oggi c’è solo uno scheletro di cemento, legno ed erbacce entro il giugno del 2021 potrebbe esserci un campus sportivo enorme con palaghiaccio, palaginnastica, ristorante, palestra di arrampicata e tanto altro. In mezzo 18 mesi di lavoro per un importo complessivo che supera i 22 milioni di euro.

Il Progetto del Campus

Sarà molto imponente il colpo d’occhio della nuova struttura che sorgerà tra le vie Minghetti, Stelvio e il Sempione. Nel progetto di fattibilità dell’intervento si parte da “un’immagine d’insieme per il nuovo Campus che riuscisse ad integrare e ridefinire l’imponente e scheletrica struttura del palaghiaccio esistente” con le nuove realizzazioni. In questo senso “i principali volumi di nuova realizzazione, il palaghiaccio ed il palaginnastica, avranno copertura a falda inclinata come il palaghiaccio esistente mentre i volumi destinati alle palestre del palaginnastica, lo spazio commerciale e la palazzina medica, avranno copertura piana a verde con funzione di contenimento delle acquemeteoriche e abbattimento dell’isola di calore”.

La grande novità è che nell’attuale palaghiaccio non ci sarà il palaghiaccio: “Il progetto prevede il riutilizzo della struttura esistente [con] l’inserimento di diverse attività eterogenee tra loro quali la collocazione di locali per sale corsi ed associazioni, una palestra di roccia artificiale, ed una area adibita a ristorazione con integrata una pista da ghiaccio ludico-artistica”. Il vero e proprio palazzetto del ghiaccio sarà costruito da zero e prevederà una pista da hockey di 60×30 metri mentre per il palaginnastica si parla di una struttura in grado di ospitare gare di alto livello e ospitare fino a 570 spettatori.

Ci sarà poi un centro medico Polispecialistico “che erogherà servizi connessi alla medicina sportiva e alla riabilitazione” e sarà disposto su due livelli fuori terra con una superficie complessiva di circa 1.000 metri quadri. Confermato anche un il “grande ambiente adibito propriamente all’area commerciale [che] si sviluppa su una superficie di 1270 mq per un’altezza di circa 7 metri”.

Costi e cantieri

Il progetto è stato presentato dalla Acquaverde Costruzioni Srl di Alghero e dalla Noka Service Srl di Rovigo e ha un valore complessivo di 22.236.171 euro. Il costo sarà sostenuto con un project financing nel quale le due aziende metteranno sul piatto 4,56 milioni di euro, il comune 4,5 e il resto -12,5 milioni- arriveranno da un finanziamento.

Se tutto procederà senza intoppi il cronoprogramma prevede l’inizio dei cantieri a febbraio 2020. Dopo 12 mesi la consegna del primo lotto -e cioè il Palaginnastica- e poi entro giugno la consegna e il collaudo anche di tutto il resto. Le due aziende prevedono ricavi annui per un totale di 1,4 milioni e quindi si prevede “una fase di gestione dell’opera regolata da una concessione di durata massima di 30 anni, compresa la fase di realizzazione”.

 

di marco.corso@varesenews.it
Pubblicato il 25 Luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore