“Niente accordo sul trasferimento voli da Linate”. Sciopero Airport Handling a Malpensa.

Alle motivazioni nazionali qui si aggiunge anche la vertenza che riguarda il principale operatore di handling, che non ha chiuso nessun accordo specifico sulla gestione del "bridge", la fase di tre mesi di chiusura di Linate con spostamento dei voli

Malpensa generica 2019
Al 26 luglio, proprio alla vigilia del trasferimento dei voli, scatta lo sciopero a Malpensa. Ma a differenza del resto d’Italia, qui si aggiunge una vertenza specifica e rilevante: quella che riguarda Airport Handling (l’ex Sea Handling)
«Su Airport Handling siamo in presenza di un’azienda che non vuole chiudere un accordo sul bridge», spiega Luca Stanzione, segretario regionale della Filt-Cgil.
Vale a dire – appunto – il trasferimento dei voli da Linate a Malpensa, per tre mesi. La cosa riguarda prima di tutto «quattro-cinquecento lavoratori di Linate» spostati a Malpensa, ma anche tutti gli altri già di base sullo scalo della brughiera. «Perché il bridge è un evento straordinario che prevede un carico di lavoro aggiuntiva».
Malpensa generica 2019
Luca Stanzione
A Malpensa il presidio ha visto la partecipazione della Filt-Cgil con Luca Stanzione, della Fit-Cisl con il segretario Giovanni Abimelech, oltre ai lavoratori aderenti alla UilTrasporti e all’Ugl.
Come è andata? «Lo sciopero a livello regionale ha superato il 55% dell’adesione, nelle diverse aziende» dice ancora Stanzione. «Su Airport Handling l’adesione è stata alta, ma l’azienda ha scelto di precettare metà dei lavoratori: un atteggiamento incomprensibile, stiamo valutando con i legali se rivolgerci alla magistratura»
Malpensa generica 2019
Clima surriscaldato? «Ci sembra pericoloso affrontare una fase del genere senza un accordo con le organizzazione. Si assumerà l’azienda la responsabilità di un eventuale fallimento, che ricade non solo sui lavoratori ma anche sui clienti delle diverse compagnie aeree». I sindacati denunciano che Airport Handling è stata l’unica azienda a non aver chiuso accordi specifici sul “bridge”. «Mentre abbiamo fatto accordi con gli altri handler, ma soprattutto con Sea. Che, lo ricordo, è comunque azionista al 30% di airport handling».

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 26 Luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore