Varese News

Il team ParkinGo è in festa: Gonzalez campione del mondo in Supersport 300

Il 17enne spagnolo consegna il secondo titolo iridato alla scuderia varesotta del patron Rovelli dopo quello di Davies nel 2011: «Lo vidi in azione un anno fa e decisi subito di ingaggiarlo»

Gonzalez e ParkinGo campioni del mondo in Supersport 300

È tempo di festa nel paddock di una delle squadre corse motociclistiche della provincia di Varese, il Team ParkinGo fondato dall’imprenditore Giuliano Rovelli. Il pilota spagnolo Manuel Gonzalez si è infatti laureato campione del mondo nella Supersport 300, categoria che rientra nel panorama della Superbike, in sella a una Kawasaki Ninja.

La consacrazione è arrivata sul circuito francese di Magny Cours, dove Gonzalez era arrivato con la consapevolezza di avere tra le mani il “match ball” per il titolo: alla bandiera a scacchi il pilota madrileno del Team ParkinGo si è ritrovato al secondo posto alle spalle della campionessa uscente, la connazionale Ana Carrasco, un risultato che gli ha consentito di conquistare la corona iridata. Bella e avvincente la gara transalpina, con altri due contendenti – Scott Derue e Andy Verdoia – che hanno ingaggiato una serie di duelli mozzafiato in pista.

Il successo di Gonzalez nel campionato è storico per due motivi: innanzitutto è il secondo titolo iridato finito nella bacheca del Team ParkinGo che nel 2011 vinse nella Supersport 600 con Chaz Davies, pilota britannico oggi in Ducati nella Superbike. E poi c’è da considerare il dato anagrafico: Gonzalez ha centrato il successo ad appena 17 anni e 25 giorni (è nato il 4 agosto 2002) e mai nessuno è riuscito a laurearsi campione del mondo così presto. Anche Loris Capirossi, fenomeno precoce del Motomondiale, ci ha messo più tempo per ottenere la vittoria in 125 nel 1990.

«Il successo di oggi è un riscontro molto importante del lavoro che in questi anni abbiamo fatto nel motociclismo – ha detto un raggiante Giuliano Rovelli al termine della gara – Gonzalez è oggi il più giovane pilota nella storia della motovelocità, addirittura più del Capirossi del 1990 che io ricordo bene. Un anno fa lo vidi in azione e da allora decisi che sarebbe stato nella nostra squadra di quest’anno e 12 mesi dopo è Campione del mondo. Per noi è un momento bellissimo e ce lo godiamo fino in fondo; per questo ringrazio la squadra, i collaboratori, i nostri sponsor e i fornitori tecnici. Ora manca solo l’ultimo tassello, vincere in Qatar la Coppa riservata ai team». Una situazione anche qui positiva visto che ParkinGo vanta 36 punti di margine sul team Freudenberg KTM; oltre al neo-campione la squadra varesotta schiera Filippo Rovelli e Tom Edwards che a Magny Cours hanno incontrato qualche difficoltà.

«Questa per me è stata una stagione perfetta, sono riuscito in quasi tutte le gare a vincere o a salire sul podio e non ho parole per definire cosa provo in questo momento» è il commento di Gonzalez. «In primo luogo grazie alla mia famiglia che ha fatto tanti sacrifici per me e al team Kawasaki ParkinGO. Per fortuna che la pioggia e il vento qui a Magny Cours oggi sono arrivati a gara finita».

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 01 Ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore