Varese News

Comune e Croce Rossa di Gallarate cercano persone per consulenze socio-sanitarie

La chiamata per medici, psicologi, ostetriche, fisioterapisti che possano aiutare le persone, anche per prevenire eventuali problemi

telefono fisso

Per supportare i cittadini di Gallarate in questo momento di emergenza, amministrazione comunale e Croce Rossa sono alla ricerca di professionisti e specialisti disposti ad offrire assistenza telefonica gratuita ai cittadini che necessitano di consulenze in ambito socio-sanitario (medici, psicologi, ostetriche, fisioterapisti) e in qualsiasi altro settore di servizio alla persona.

«L’idea è nata dal confronto con alcuni professionisti di Gallarate, disposti a rendersi ulteriormente utili in questo periodo di emergenza sanitaria» – spiegano l’assessore ai Servizi sociali Stefania Cribioli (tra l’altro, lei stessa, di professioni psicologa) e il referente del comitato gallaratese della Cri Mirto Crosta.

In questa fase è necessario raccogliere le adesioni dei professionisti disposti ad aiutare i propri concittadini mettendosi a disposizione per rispondere alle loro richieste, per dare consigli o semplicemente per dare quel conforto spesso necessario in un momento come quello che stiamo vivendo. «Abbiamo attivato un indirizzo di posta elettronica (criperte@crigallarate.org) – spiega Crosta -utile a raccogliere le disponibilità dei nostri professionisti e specialisti»

«Con l’arrivo delle prime adesioni – aggiunge Crosta – formeremo il nostro database che continueremo ad aggiornare. Appena avremo un numero minimo di professionisti, un nostro operatore valuterà le richieste dei gallaratesi che riceveremo telefonicamente e poi indirizzerà l’utente in base alle diverse esigenze».

«Riteniamo – aggiunge Cribioli – che sia anche importante un sostegno di carattere psicologico ed emotivo, per far fronte a questo periodo di emergenza e di cambiamenti. Prendiamoci cura di noi, sotto ogni punto di vista, sia fisico che mentale, e soprattutto se abbiamo bisogno chiediamo aiuto».

Se da un lato il comportamento richiesto è quello di isolamento il più possibile rigoroso, non va dimenticato anche l’aspetto sociale e del benessere psicologico delle persone, in questo periodo fortemente esposte ad ansia e preoccupazioni e ai rischi, opposti, di solitudine totale o convivenza forzata in casa.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 Marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore