Varese News

Gli alpini scendono in campo per aiutare in memoria del dottor Stella

La Sezione di Varese della Associazione Nazionale Alpini ha deciso di sostenere l’acquisto immediato e la donazione di una serie di strumentazioni medicali specifiche

Alpini Cassano Magnago 2019

La Sezione di Varese della Associazione Nazionale Alpini, che comprende 78 Gruppi locali distribuiti su larga parte del territorio della provincia, esprime il proprio cordoglio per le vittime dell’epidemia di Coronavirus Covid-19 e la sua vicinanza a chi sta lottando contro la malattia.

La recente scomparsa del Dottor Roberto Stella, Alpino e Presidente dell’Ordine dei medici della Provincia di Varese, ha lasciato un segno profondo in chi lo stimava per le sue qualità professionali e per la sua straordinaria umanità. Altri alpini stanno combattendo contro questa malattia, sostenuti dal lavoro prezioso e dall’infaticabile impegno del personale dei nostri ospedali.

Il presidente Sezionale Franco Montalto, in collaborazione con esperti del settore e grazie al sostegno dei Gruppi locali e del Consiglio Direttivo, a nome della Sezione di Varese ha deciso di sostenere l’acquisto immediato e la donazione di una serie di strumentazioni medicali specifiche, di complemento alle attrezzature già in uso, ovvero caschi per l’ossigenazione e per il sostegno alla respirazione (Cpap)* dei pazienti ricoverati principalmente presso i reparti di Terapia Intensiva dell’Ospedale di Circolo di Varese ma non solo. Si tratta di apparecchiature disponibili a brevissimo termine ed estremamente utili per la cura dei degenti.

Gli Alpini della Sezione di Varese legano questa iniziativa alla memoria del Dottor Roberto Stella, unendo al suo ricordo quello di tutti coloro che sono “andati avanti” e richiamando il valore dell’opera straordinaria dei nostri medici e di tutto il personale dei nostri ospedali, così come quello del personale militare in servizio, dell’Ospedale da campo A.N.A. e dei volontari della Protezione Civile.

«L’Italia e la nostra regione hanno bisogno del nostro impegno, della nostra generosità e del nostro aiuto» dichiara il presidente Montalto. «Certo, ci sono molti volontari della nostra Protezione Civile sul campo e anche molti volontari dei nostri Gruppi che collaborano con le amministrazioni locali per la consegna dei beni di prima necessità ad anziani e persone sole. L’ospedale da campo A.N.A. è in fase di montaggio a Bergamo. Ma noi vogliamo far sentire il nostro calore e la profondità dei nostri valori anche con un gesto di tempestiva solidarietà».

L’augurio di tutti gli Alpini dei 78 Gruppi della Sezione di Varese è che nel più breve tempo possibile rientri l’emergenza che stiamo vivendo. Nel frattempo, tutte le sedi alpine sono doverosamente chiuse e tutti gli Alpini, tranne i volontari autorizzati per servizi coordinati dalle Autorità, si attengono scrupolosamente alle disposizioni contenute nel Decreti in vigore. «Restiamo a casa ma non dimentichiamo di vivere la fraternità ed il dovere della solidarietà che da sempre caratterizzano il corpo degli alpini», conclude Montalto.

Per aiutare gli Alpini ad Aiutare in Memoria del Dott. Roberto Stella
IBAN IT17E0503410805000000015767 – Banca BPM
intestato a “Associazione Nazionale Alpini Sezione di Varese

di tommaso.guidotti@varesenews.it
Pubblicato il 18 Marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore