La situazione alla RSA Sant’Edoardo: 18 morti solo ad aprile

Sono 26 dall'inizio dell'emergenza coronavirus; sette di questi erano cittadini turbighesi.

turbigo generica

Una situazione tutto sommato normale fino a marzo, poi il tracollo ad aprile. I dati sui decessi nella RSA Sant’Edoardo di Turbigo dicono questo: la pandemia Covid-19 si è molto probabilmente insinuata anche qui, come in moltissime case di riposo e residenze assistenziali in tutta la Lombardia. Manca la certezza perché, di tamponi, se ne sono effettuati pochi.

«Non è facile fare queste comunicazioni – ha dichiarato il sindaco Christian Garavaglia, da pochi giorni guarito dal coronavirus dopo il secondo tampone negativo – perché vengono chiamati in causa affetti, i sentimenti, i legami famigliari. Quando parlo di decessi – ammette – mi viene difficile comunicare citando dei numeri, perché ogni persona che viene a mancare è una profonda perdita e una sofferenza per la famiglia e per la comunità. Tuttavia ho il dovere di comunicare i decessi avvenuti presso la Casa di Riposo a Turbigo e di dare risposta a domande che mi sono pervenute negli ultimi giorni. Ho chiesto all’Ufficio Anagrafe di fornirmi le informazioni aggiornate. Nei primi tre mesi dell’anno si è ha registrata una situazione molto simile al primo trimestre del 2019, infatti: a gennaio 2020 sono mancate 2 persone (nel gennaio 2019 erano state 5), a febbraio 2020 ne sono mancate 2 di cui una turbighese (nel febbraio 2019 erano state 2), a marzo 2020 ne sono mancate 6 di cui una turbighese (nel marzo 2019 erano state 2). È evidente che il mese di aprile presenta una criticità, infatti nell’aprile 2020 (fino ad oggi) sono mancate 18 persone, di cui cinque turbighesi. Rinnovo le più sentite condoglianze a tutti i famigliari». Non sappiamo la causa dei decessi di tutti; la RSA non ha fornito dati precisi a riguardo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 Aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore