Negli ospedali di Varese e di Busto un punto tamponi con accesso diretto per gli studenti

Per intervenire tempestivamente nelle comunità scolastiche, Regione Lombardia prevede controlli veloci con esito in giornata. La Sette Laghi ha attivato il suo punto controllo nel padiglione su viale Borri. Al Circolo di Busto si accede dal Poliambulatorio di Piazzale Solaro 3. Scarica le autocertificazioni

ospedale varese fondazione macchi viale borri

Un canale privilegiato e veloce per verificare se uno studente è positivo al Covid19. Regione Lombardia ha stabilito che il procedimento di segnalazione e convocazione attraverso il medico di base non si adatti alle esigenze di immediatezza del mondo scolastico che deve proteggere le sue comunità intervenendo con velocità nel caso di individuazione del coronavirus.
In caso di dubbio, gli alunni devono poter accedere subito a un punto tamponi e ricevere l’esito entro le 23 della stessa giornata così da attivare, nel caso di positività, l’azione di Ats Insubria di tracciamento e isolamento dei contatti.

Dopo un momento di confronto e analisi, l’Asst Sette Laghi ha messo a regime un percorso diretto riservato alla fascia scolare: « Si accede con autocertificazione e, solo quando possibile, telefonata di avviso del medico curante – spiega Ivan Mazzoleni, direttore socio sanitario della Sette Laghi – Il punto tamponi è raggiungibile da viale Borri ed è ospitato in quella che era il centro trasfusionale. Se lo studente si è sentito male a scuola o direttamente da casa propria, il minore viene preso in carico dai nostri operatori che sono presenti dal lunedì al sabato dalle 9 alle 13 ma, nel caso, siamo anche pronti ad allungare i tempi di presenza. I campioni vengono poi consegnati al laboratorio dove viene svolta l’indagine così da avere il responso entro le 23 così come previsto».

Il risultato viene caricato sul fascicolo elettronico del paziente: « Sappiamo che non sia un sistema alla portata di tutti e stiamo pensando a un’alternativa più immediata – spiega il dottor Mazzoleni – Quella comunicazione arriva anche al medico curante e ad Ats che, nel caso di risultato positivo, attiverà la sua procedura di tracciamento dei contatti e di isolamento dello studente e dei compagni di classe. L’alunno potrà poi rientrare a scuola solo presentando una certificazione del medico curante».

(Per attivare il fascicolo elettronico leggi qui)

Al momento, la situazione ancora tranquilla permette di testare il modello di presa in carico: « Stiamo comunque studiando la possibilità di replicare anche in altri presidi territorlai dell’azienda questo tipo di accesso diretto così da rispondere in modo più capillare alle eventuali esigenze».

La stessa offerta è stata messa a punto dall’ospedale di Busto Arsizio che ha dedicato un punto tamponi ad accesso diretto nel presidio di Busto Arsizio al Poliambulatorio di Piazzale Solaro 3.

Scarica il modello di autocertificazione

Minori che frequentano comunità scolastiche-educative – modulo 2 Studenti maggiorenni – Personale Scolastico – modulo_1

Studenti maggiorenni – Personale Scolastico – modulo_1

In fase di accesso è necessario acquisire i dati anagrafici della persona da testare (nome, cognome, data di nascita e Codice Fiscale) e il numero di telefono a cui fare riferimento.

Si raccomanda all’utenza di accedere esclusivamente presso le sedi individuate.

Qui tutti gli aggiornamenti di Ats Insubria sul mondo della scuola

di
Pubblicato il 18 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore