ZeroAvia dice di aver completato il primo volo di un aereo a idrogeno

La compagnia inglese, che si definisce il più grande vettore a zero emissioni in Europa, avrebbe concluso positivamente il primo volo con un Piper M350 a idrogeno

Zeroavia

Negli ultimi mesi ha fatto parlare di sé, soprattutto sui media britannici (anche molto prestigiosi come la BBC, il Telegraph, il Times). Ora ZeroAvia comunica di aver completato il primo volo commerciale per passeggeri con un Piper M350 alimentato a idrogeno.

Il primo test effettuato a giugno (video della BBC)

Il vettore aveva già condotto dei test negli scorsi mesi: a giugno aveva già effettuato un volo con un aeromobile elettrico nel suo centro a Cranfield, un piccolo paese del Bedfordshire, nel centro dell’Inghilterra. E sempre a Cranfield la compagnia avrebbe effettuato «il primo volo commerciale al mondo su un mezzo a idrogeno», il 24 settembre. Il mezzo era un Piper a sei posti, che avrebbe percorso un breve circuito prima di atterrare.

Il fondatore di ZeroAvia Val Miftakhov ha dichiarato che «dei semplici passeggeri potrebbero salire su un aereo veramente a zero emissioni molto presto». L’obiettivo di ZeroAvia è quello di riuscire a completare il volo dall’aeroporto di Orkney, sulla costa settentrionale della Scozia, alla propria base, entro la fine dell’anno. Si tratterebbe di una distanza pari a quella tra Edimburgo e Londra, o Los Angeles e San Francisco.

Il progetto di ZeroAvia ha ricevuto contributi anche dal governo britannico. Il ministro dei trasporti Robert Courts ha detto recentemente che il settore è «un ricettacolo d’innovazione» e che la tecnologia «ci porta un passo in avanti verso un futuro più sostenibile per il trasporto aereo».

Airbus lancia tre progetti per aerei a idrogeno

di
Pubblicato il 25 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore