Varese News

L’entusiasmo dei giovani fa rinascere la Filarmonica di Lonate Pozzolo

L'idea si è affacciata a ottobre 2020 e grazie alla passione dei primi promotori e all'appoggio di un'associazione è diventata subito realtà

Generica 2020

Rinasce la Filarmonica Lonatese, a distanza di 186 anni dalla sua prima fondazione, nel 1834. E ora, anche in tempo di lockdown, vuol far sentire il suo sound.

L’idea di far rinascere la filarmonica è della trombonista Ginni Micheletti. «Il mio obbiettivo è stato quello di riportare alla luce questa tradizione popolare, restituendo il merito e l’onore che questo paese merita e, con esso, anche i suoi abitanti» spiega. «Creare un’occasione per riunire tutti coloro che amano la musica, diffondere la cultura musicale, promuovere e favorire lo svolgimento di manifestazioni musicali nonché socio-culturali, nello spirito della solidarietà sociale».

Dall’idea alla ricostituzione – anzi: alle prime note – c’è voluto poco in termini di tempo. Molto invece in termini di entusiasmo: perché l’idea è nata «un giovedì, precisamente il giorno 8 ottobre 2020 pensando al mio strumento musicale, il trombone, e dove avrei potuto suonarlo» racconta Micheletti. «La domanda è sorta spontanea: che fine ha fatto l’antica filarmonica lonatese?»

Detto fatto: subito supportata dal fratello Marco e dal compagno Emilio Ribecco, Micheletti ha trovato appoggio nell’associazione anziani Ancescao di Lonate Pozzolo guidata dal’inossidabile Giovanni Desperati, che ha messo a disposizione una sala per le prove (poi sospese “in presenza” causa lockdown)

Ed è così che l’entusiasmo di pochi ha ridato vita ad un’istituzione nata addirittura prima dell’unità d’Italia per volere del colonnello Friedrich Von Eschermann: l’ufficiale austriaco, recatosi alla vecchia dogana di Lonate Pozzolo (edificio oggi sede del Parco del Ticino, vicino a Tornavento), fu colpito dall’ospitalità lonatese e organizzò un concerto di ringraziamento.  Lasciò i suoi musicisti che istruirono i cittadini e, nell’arco di due anni, si creò così nel 1834 la Filarmonica di Lonate Pozzolo.

Il primo concerto, seppur online, è stato promosso per la ricorrenza di Santa Cecilia e offre due travolgenti interpretazioni dei brani “Baby Elephant Walk” e “Peter Gunn”.

I musicisti sono Patrizio – Batteria, Roberto – Basso elettrico, Baye Mor – Percussioni, Federica – Flauto traverso, Martina – Ottavino, Roberto – Trombone, Ginni – Trombone, Emilio – Tromba, Catarina – Sax contralto, Mattia – Sax contralto, Simone – Clarinetto, Vinicio – Sax soprano. Direttore Marco Michieletti – Clarinetto, sax tenore e sax baritono

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 24 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore