Varese News

Isabella Tovaglieri attacca il governo: “Il pericolo islamista è in casa nostra. Stop agli sbarchi”

L'eurodeputata bustocca commenta l'arresto del ceceno che avrebbe fornito i documenti falsi all'attentatore di Vienna, arrestato oggi a Varese

isabella tovaglieri

«Il pericolo islamista si nasconde in casa nostra, complice la politica dei porti aperti del governo giallorosso, che favorisce l’arrivo dei terroristi nascosti tra gli immigrati clandestini. Il falsario ceceno arrestato a Varese era in Italia come richiedente asilo e potrebbe essere collegato non solo all’autore dell’attentato a Vienna ma anche all’attacco di Notre Dame a Nizza, compiuto da un tunisino sbarcato a Lampedusa. Il nostro Paese e la città di Varese non possono essere la centrale operativa del terrorismo europeo. Italia ed Europa devono vigilare di più sul radicalismo islamico per prevenire e stroncare le attività dei jihadisti e dei loro fiancheggiatori» – commenta l’eurodeputata bustocca della Lega, Isabella Tovaglieri, dopo l’arresto a Varese del ceceno esperto in documenti falsi, sospettato di essere legato ai recenti attentati in Austria e in Francia.

«Nelle prossime ore presenterò un’interrogazione alla Commissione europea per chiedere quali azioni straordinarie intende avviare per tutelare la sicurezza dei cittadini comunitari e per dare maggiore impulso alla lotta al terrorismo, anche attraverso un più capillare monitoraggio dei soggetti potenzialmente pericolosi fra i migranti che giungono illegalmente in Europa – prosegue la Tovaglieri -. La recente esclusione del governo italiano dal vertice sul terrorismo di qualche giorno fa non è un buon segnale, è ora che alle parole di solidarietà seguano iniziative concrete anche da parte della UE. Non si può pensare di combattere il terrorismo islamico fondando un istituto europeo per la formazione degli imam, come ha proposto il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. Bisogna invece essere concreti e risoluti: chiudere i porti, presidiare le frontiere, aumentare i controlli e migliorare la cooperazione investigativa tra Paesi». La Tovaglieri, infine, ringrazia «gli investigatori e le forze dell’ordine, che hanno portato a termine questa importante operazione».

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 13 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore