Acquaviva Uisp: una risorsa per valorizzare i territori

Il turismo sportivo, ecosostenibile e con riflessi legati alla cultura dei luoghi è sempre più apprezzato. Uisp si è attrezzata con le proprie attività

acquaviva uisp

Come è possibile coniugare al meglio turismo, sport e rispetto dell’ambiente? Un turismo attento è la chiave per cogliere appieno le caratteristiche di un luogo fatto di natura, cultura e tradizioni spesso legate anche allo sport. Basta pensare a tutte quelle località in cui proprio le attività turistiche coniugate allo sport hanno rilanciato l’economia di un territorio.

In Italia, non mancano dei territori virtuosi che hanno saputo dare nuovo impulso al turismo: pensiamo al caso del fiume Aniene a Subiaco, nel Lazio, dove l’associazione sportiva “Vivere l’Aniene” è riuscita ad eguagliare il numero di presenze creato dal pellegrinaggio nei siti religiosi. Altro esempio è quello toscano, dove alcune società sportive che fanno capo all’Acquaviva Uisp hanno saputo dar vita a dei veri e propri centri avventura outdoor in fiume e mare: l’asd Terramare in Maremma, T-rafting nel fiorentino, Apua surf nel massese.

In tutta Italia, dalla Lombardia alla Sicilia, tante realtà associative affiliate Uisp hanno scommesso e continuano ad investire tempo e denaro su “Sport, ambiente, solidarietà”, e a questo punto possiamo dire anche in “Turismo sostenibile”.
«In risposta al dilagante turismo di massa si è andato sviluppando un turismo alternativo, responsabile, capace di promuovere interazioni con comunità e culture locali, con l’ambiente e il paesaggio – afferma Gian Piero Russo, responsabile Acquaviva Uisp – in grado di sostenere l’identità e il carattere dei luoghi stimolando lo sviluppo locale a livello economico, sociale e culturale».

In questo l’Acquaviva Uisp con le attività di formazione e di coordinamento generale fornisce strumenti e standard applicati al contesto sportivo ma spendibili anche nel reparto turistico; attività e competenze che, nell’immediato e in un contesto non profit di volontariato, promuovono territori e stili di vita ecosostenibili ma che possono evolvere in un contesto professionale.
Secondo i dati dell’European Travel Commission, nel 2019 in Italia quasi il 20% dei turisti hanno scelto di trascorrere vacanze all’insegna dello sport, come motivazione principale o secondaria. Scelte che si trasformano in importanti ricadute economiche per i territori che ospitano eventi sportivi o che offrono la possibilità di fare sport.

Uisp con le sue società affiliate distribuite sul territorio può effettivamente fare la differenza e incanalare il messaggio dello sport per tutti all’interno di una cornice turistica che allo stesso tempo può arricchire territori depressi e spesso dimenticati.

Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore