Varese News

I cavalieri longobardi del Seprio arrivano a Hong Kong, con Cristiano Brandolini

Archeologo e "ricostruttore", Brandolini interverrà in un convegno internazionale collegato alla mostra "Way of the Sword: Warrior Traditions in China and Italy"

spada longobarda Cristiano Brandolini

Da Arsago a Hong Kong, dal Seprio alla Cina: l’archeologo Cristiano Brandolini farà conoscere i guerrieri longobardi in un contesto prestigioso, la mostra “Way of the Sword: Warrior Traditions in China and Italy”, dedicata al simbolo della spada, elemento di potere e segno distintivo di nobilità.

La mostra è promossa dall’Instituto Cinese di Studi sulle Arti Marziali, dall’Associazione Internazionale Guoshu, dall’Istituto Culturale italiano e Università di Hong Kong, in collaborazione con altre Università cinesi e altri soggetti.

Cristiano Brandolini interverrà nel quadro della Conferenza internazionale di studi marziali connessa alla mostra, che coinvolgerà diciassette studiosi. Un simposio d’alto livello tra ricercatori, che mette in connessione due mondi molto diversi.

Brandolini è archeologo, ma è anche molto noto come “ricostruttore”, capace di ridare vita ad oggetti e contesti di un mondo scomparso, con metodo scientifico ma anche con attenzione agli aspetti divulgativi, come gli eventi popolari che si rifanno al mondo longobardo e celtico. Da quasi vent’anni è collaboratore della Soprintendenza Archeologica della Lombardia e di vari musei archeologici quali quello di Arsago Seprio, Sesto Calende e Varese.

Esperto in preistoria, protostoria e altomedioevo, a Hong Kong è stato qui chiamato per trattare un particolare momento della storia altomedievale: i Longobardi in Italia (VI-VII secolo d.C.). Rimanendo legato al territorio varesino, porterà infatti alla Conferenza un suo contributo sulla figura del guerriero longobardo nella judicaria del Seprio, parlando delle armi rinvenute nei contesti tombali di Arsago Seprio, Castelseprio e Stabio.

Inoltre nel catalogo che accompagnerà la mostra vi sarà un suo ampio contributo sul costume e la cultura guerriera longobarda, spaziando dalla mitologia fino alle rilevanze archeologiche, unendo antiche testimonianze che affondano le proprie radici nella leggenda, con i dati archeologici e gli studi recenti.

Arsago Seprio, come anche Castelseprio, ha una storia millenaria e in epoca longobada è stato un luogo importante sul territorio del Seprio, testimonianza di ciò è sicuramente la ricca necropoli longobarda, scoperta nel 1972, che ha una particolarità: p l’unica visibile e conservata in situ in Italia (i corredi, composti non solo da preziosi monili ma anche da armi, sono esposti nell’adiacente Civico Museo Archeologico).

Brandolini avrebbe potuto presentarsi alla Conferenza con l’imbarazzo nella scelta, riguardo l’affiliazione ad un ente culturale, ma ha voluto portare con se proprio il Civico Museo Archeologico di Arsago Seprio, per dare risalto al patrimonio storico archeologico del paese dove è nato e dove vive ancor oggi, facendolo conoscere ad un parterre internazionale.

Data la problematica e grave situazione pandemica che ci ha colpiti, i partecipanti europei non potranno recarsi ad Hong Kong e la conferenza sarà quindi svolta interamente on line.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore