Castano e Turbigo, alleate, ottengono 290mila euro di finanziamento per telecamere

I due Comuni avevano presentato il progetto proprio alla vigilia della pandemia. Ora hanno ottenuto il 24esimo posto su oltre 2mila domande in Italia

Castano Primo Turbigo Castanese

Un buon inizio d’anno, per i Comuni di Turbigo e Castano Primo: il progetto che prevede l’installazione di pali con telecamere di controllo delle targhe delle auto in transito sul territorio dei due comuni, posti agli accessi principali (chiamati “varchi”) ha ottenuto un finanziamento di 290 mila euro. Il progetto è stato affidato dai Comuni di Turbigo e Castano alla società Euro.Pa. con cui si sono individuati ventuno pali di sorveglianza sui due Comuni, per un totale di investimento pari a 580 mila euro.

Inviato alla Prefettura e approvato dal Comitato Tecnico di Interforze, il progetto ha poi ottenuto la valutazione del Ministero dell’Interno classificandosi alla posizione 24 su un totale di 2265 progetti.

Il sindaco di Turbigo, Christian Garavaglia, ha dichiarato: «Sono molto soddisfatto, è da anni che lavoriamo seriamente su questo progetto perché rappresenta un tassello importante per garantire maggior sicurezza ai cittadini. La sicurezza è sempre stata una priorità per la nostra Amministrazione. Il sistema dei varchi verrà utilizzato anche dalle Forze dell’Ordine, che ci hanno sempre sostenuto in questo progetto. L’installazione dei varchi partirà già nei prossimi mesi: un altro importante obiettivo raggiunto del nostro programma amministrativo a favore dei cittadini».

«Sono davvero molto soddisfatto per il raggiungimento dell’ennesimo importante traguardo» aggiunge il sindaco di Castano, Giuseppe Pignatiello. «Sono tempi difficili per chi Amministra e riuscire ad ottenere quasi 300.000 euro di finanziamento penso sia il segno evidente del buon governo. Il Progetto Varchi rappresenta, per noi, un ulteriore tassello da aggiungere al più vasto progetto di quella che è la “Castano Protetta».

La collaborazione tra due sindaci e amministrazioni comunali con “colore” politico diverso viene in qualche modo sottolineata come forma di  “buonsenso”, nel solo interesse dei propri cittadini.
«Le tante difficoltà affrontate in questo 2020 hanno dimostrato che per fare la differenza occorre restare uniti e collaborare. Sulla scia di questo importante insegnamento impartito dall’anno passato, i nostri Comuni rappresentano per il territorio un esempio di avanguardia avendo intrapreso un progetto di collaborazione e unità di intenti già da diverso tempo, anteponendo il bene pubblico e l’interesse dei Cittadini ad ogni ideologia politica».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore