Varese News

La storia della Gioeubia raccontata dal “Pedèla”, custode delle tradizioni di Busto Arsizio

Le origini della festa che si svolge l'ultimo giovedì di gennaio a Busto Arsizio e nei comuni limitrofi risalgono addirittura all'epoca pre-cristiana ma, con varie evoluzioni, la Gioeubia è resistita fino ad oggi

Generica 2020

Oggi, giovedì, è il giorno della Gioeubia a Busto Arsizio e abbiamo invitato Antonio Tosi, detto il Pedèla, in piazza Santa Maria dove ogni anno vengono posizionati i fantocci che poi finiscono al rogo in piazzale Einaudi alle 18,30. Con lui, memoria storica delle tradizioni bustocche, abbiamo ripercorso la storia di questa festa che ha origini pre-cristiane.

«C’è ancora chi ricorda che durante questa giornata i ragazzi andavano in giro per le vie di Busto a strillare la filastrocca “Giobiana Giobiana, una quarta di luganega e una quarta di luganeghin, Giobiana Giobianin” battendo i coperchi. Questa animata cerimonia era il residuo di un antico scongiuro universale dei contadini contro un fantoccio per far fuggire il gelo dell’inverno».

Qui l’intervista integrale:

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 28 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore