Rottura e perdita d’olio, termina in anticipo la Dakar di Stigliano

Il pilota di Gorla Maggiore ha rotto un carter della sua Yamaha nel corso della tappa "Marathon" ed è stato costretto al ritiro: "Uscire così fa più male di un infortunio"

gianni stigliano dakar

È purtroppo terminata in anticipo la Dakar di Giovanni “Gianni” Stigliano, l’unico pilota varesino al via dell’edizione 2021 del raid motoristico più famoso al mondo. Il motociclista di Gorla Maggiore, 48 anni, è stato costretto al ritiro nel corso della settima tappa a causa della rottura di un carter e della conseguente e copiosa perdita d’olio che ha zittito il motore della sua Yamaha WR450F.

«Avrò schivato miliardi di pietre ma ne è bastata una per mandare in un fumo il mio motore e il sogno di raggiungere quel traguardo. Uscire così fa male malissimo, più che infortunarsi» ha scritto il portacolori del team JBRally di Jerago con Orago sul proprio profilo Instagram. Troppo serio il danno riportato dalla Yamaha dopo 400 chilometri della tappa marathon, momento sempre cruciale nel corso delle Dakar perché è quella in cui i piloti gareggiano su due giorni consecutivi, intervallati solo da un bivacco senza assistenza.

Stigliano – di cui abbiamo parlato in QUESTO articolo di VareseNews – aveva l’obiettivo di portare a termine il raid, che dopo i tanti anni in Africa e quelli in Sudamerica si disputa oggi nei deserti dell’Arabia Saudita. Un sogno condiviso con gli amici del JBRally e con i tanti sponsor e sostenitori che avevano permesso questa trasferta e la partecipazione alla classifica “Original by Motul”, quella dei piloti senza assistenza esterna.

Nel corso della sua Dakar, tra l’altro, il pilota gorlese si era trovato a soccorrere (e a scortare per un tratto) un altro italiano, il bresciano Tiziano Internò, che era caduto in modo piuttosto rovinoso nel corso della terza tappa e che a sua volta si era dovuto ritirare.

«Io ho dato tutto quello che avevo perché volevo assolutamente arrivare in fondo ma nonostante ciò, l’imprevisto arriva ed a volte è inevitabile. In questo momento desidero solo rientrare nella mia Gorla e rivedere la mia famiglia e tutti gli amici che mi aspettano – ha concluso Stigliano nel suo saluto alla Dakar – Auguro con tutto il cuore agli ultimi tre compagni italiani ancora in gara di raggiungere Jeddah, se lo meritano».

Gianni Stigliano e il team JBRally portano il Varesotto alla Dakar 2021

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 11 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore