Il maxi-processo “Mensa dei poveri” resta a Milano, rigettate le eccezioni di competenza territoriale

Per i 102 imputati il percorso processuale si svolgerà tutto a Milano. Il gup ha rigettato le richieste di alcuni imputati che chiedevano lo spostamento a Busto Arsizio e Novara

processo mensa dei poveri

Si è svolta questa mattina la seconda udienza preliminare del maxi-processo Mensa dei Poveri che si sta svolgendo negli ampi spazi della Fiera del Portello e Milano. Questa mattina sono state presentate le eccezioni da parte dei difensori che chiedevano lo spostamento del processo nei tribunali di Busto Arsizio e Novara da parte di alcuni difensori ma il gup Natalia Imarisio ha deciso che il procedimento (con tutti i suoi 102 imputati) resta a Milano con un unico procedimento che racchiude i quattro filoni dell’inchiesta su un presunto “sistema” di mazzette, appalti, nomine pilotate e finanziamenti illeciti.

Il sistema vede tra i protagonisti l’ex coordinatore di Forza Italia a Varese Nino Caianiello, ritenuto il vertice dell’organizzazione e colui che muoveva i fili, e l’ex europarlamentare saronnese di Forza Italia Lara Comi, accusata anche di truffa al Parlamento Europeo per oltre 500 mila euro di prestazioni finite su conti a lei riconducibili. Prestazioni pagate ai propri assistenti, con fondi europei, ma mai avvenute.

Durante l’udienza, ancora in corso, si sta discutendo dell’ammissione o meno delle dieci richieste di parti civili, presentate, tra l’altro dai Comuni di Milano e Gallarate, Amsa e Afol Metropolitana. Il giudice oggi, stando al programma d’udienza, dovrebbe decidere sulle istanze di parti civili e incamerare le richiesta di riti alternativi.

Tra queste anche quella di Caianiello che, tramite il suo legale, l’avvocato Tiberio Massironi, intende patteggiare. Tra gli imputati anche l’ex vicecoordinatore lombardo azzurro ed ex consigliere comunale milanese Pietro Tatarella, il consigliere lombardo e collega di partito Fabio Altitonante e il deputato sempre di FI Diego Sozzani.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore