Varese News

L’associazione Caos dona 50 visiere a Cavaria con Premezzo

La cerimonia con il sindaco, l'assessore Scaltritti, la vicepresidente del Consiglio Regionale Francesca Brianza, Adele Patrini, Laura Uboldi di LILT Gallarate e Licia De Girolamo, presidente dell’associazione Rosagie di Gallarate

Generica 2020

Il Covid ci ha insegnato e ci insegna quotidianamente che è di fondamentale importanza creare un link tra ospedale e territorio, mettendo a sistema la sinergica collaborazione tra varie realtà: Regione Lombardia, ospedali, enti locali e volontariato.

L’amministrazione comunale di Cavaria con Premezzo oggi è stata orgogliosa di “celebrare” questo “modello”, in occasione della donazione di 50 visiere di protezione, da parte dell’Associazione CAOS.

Presenti in questa occasione l’avv. Francesca Brianza, vicepresidente del Consiglio Regionale di Regione Lombardia, Adele Patrini (presidente Associazione CAOS), Laura Uboldi di LILT Gallarate e Marzia Calzavara in rappresentanza, Licia De Girolamo, presidente dell’associazione Rosagie di Gallarate (che, grazie ad una raccolta fondi iniziata a marzo 2020, ha raccolto oltre 20mila euro  riuscendo ad acquistare ventilatori polmonari e materiale vario donati poi all’Ospedale di Gallarate).

Associazioni queste che sono parte integrante del team senologico dell’ospedale S.Antonio Abate di Gallarate, diretto dalla dott.ssa Silvana Monetti che, anche in veste di Consigliere Comunale di Cavaria con Premezzo, ribadisce l’importanza di una corretta informazione e sensibilizzazione alla prevenzione per combattere il cancro al seno, patologia socialmente invalidante che registra più di 1.000 nuovi casi all’anno nella nostra provincia.

Generica 2020

«Mai come in questo periodo di emergenza sanitaria ci si è resi conto di quanto le sinergie a creazione di una vera e propria welfare community siano importanti per offrire ai cittadini ilo migliore dei servizi possibili» commenta l’assessore Irene Adele Scaltritti. «La collaborazione tra noi ente comunale, Regione Lombardia (che ci ha sempre supportato e sostenuto), gli ospedali del territorio e le associazioni del terzo settore è stata di fondamentale importanza in questo ultimo anno. Garantire la salute dei nostri cittadini è per noi una priorità assoluta, tant’è che ieri sono iniziati i lavori per la creazione di un ambulatorio medico comunale (la cui realizzazione è stata possibile grazie ai fondi messi a disposizione da Regione Lombardia) che possa offrire un servizio tempestivo e di qualità alla nostra cittadinanza».

«L’augurio di tutti è che tutto ciò cementi ulteriormente quella politica sanitaria che, con grande autorevolezza, sovrasti il rumore dei respiratori polmonari…un sibilo che speriamo non dover più sentire nell’immediato futuro» conclude Adele Patrini.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore