“Se la cultura è il cibo, il libro è il pane”: a Busto Arsizio torna BaBook, festival del libro e dell’editoria

Presentato il ricco e variegato programma di BaBook, il festival del libro e dell'editoria di Busto Arsizio. Tante le realtà culturali e associative coinvolte per il ritorno della rassegna culturale

babook a Busto Arsizio 2021

«La cultura dal vivo ripartirà tra pochissimi giorni, i musei hanno appena riaperto; ho sognato questo momento per tanto tempo come a un ritorno alla vita. La cultura è un bene necessario, è cibo per la mente, per lo spirito, per gli individui e per il territorio».

Entusiasmo e voglia di ripartire traspaiono dalle parole dell’assessora alla Cultura di Busto Arsizio, Manuela Maffioli, alla presentazione di BaBook, il festival del libro e dell’editoria che si terrà da domenica 9 a domenica 16 maggio. Il programma della rassegna culturale è stato presentato oggi, martedì 4 maggio, alla biblioteca cittadina.

Il festival doveva tornare nel 2020, ma a causa della pandemia è stato rimandato di un anno. «Busto Arsizio meritava il ritorno del festival del libro, che mancava da anni: è stato uno degli obiettivi che mi sono prefigurata a inizio legislatura. La prima edizione sarebbe dovuta essere l’anno scorso. Vogliamo portare un capitale umano e sociale; se la cultura è il cibo, il libro è il pane, che può e dovrebbe accompagnarci sempre», ha continuato Maffioli.

La sinergia del mondo culturale bustocco

Busto  – ha sottolineato Maffioli – è una realtà culturale «straordinaria, di cui a volte non è consapevole»: infatti, sul territorio bustocco convivono 6 case editrici, la biblioteca comunale e quella capitolare, e, infine, 8 librerie. Queste realtà hanno deciso di partecipare alla rassegna, collaborando con l’assessorato e l’associazione “Amici della Biblioteca Capitolare” e Caffè letterario.

«Questa città esprime una forza culturale pazzesca», Francesca Boragno ha preso la parola a nome delle librerie cittadine, «finalmente BaBook ritorna con un programma amplissimo: insieme a nomi ben noti e riconoscibili, abbiamo voluto inserire dei nomi meno noti, dando valore a una qualità altissima che per noi esprime molto coraggio. Auguro a tutti una bellissima settimana».

Gli eventi

Una settimana ricca di eventi: presentazioni di romanzi e saggistica, letture e conferenze, mostre e presentazioni. Sono tutti gratuiti, in modo da «dare un forte messaggio alle persone», ha spiegato Maffioli, ringraziando gli sponsor che sovvenzionano il festival (Ferrovie Nord Milano, Malpensa Intermodale e Studio Legale A&A).

Tra gli autori più noti, Aldo Cazzullo presenta A riveder le stelle venerdì 14 maggio in sala Tramogge. A Dante è anche dedicato l’incontro “Il mistero di Dante”, organizzato dal Caffè letterario con il regista indipendente Louis Nero giovedì 13 maggio.

babook a Busto Arsizio 2021

Oltre a presentazioni e incontri, ci sono anche tre eventi collaterali: l’inaugurazione, domenica 9 maggio, dell’installazione di fiber art “Soft Back” a Palazzo Marliani Cicogna, ad opera degli artisti Damss Daniela Anroldi e Marco Sartori, un evento unico e originale per riflettere sulle risorse che abbiamo e che stiamo consumando; la mostra “La Biblioteca Bustiensum al BA Book 2021” sugli antichi e preziosi documenti conservati; e, infine, la mostra del fotografo de La Prealpina Davide Caforio “L’insostenibile leggerezza della lettura”.

Interessante, inoltre, la proiezione di The Social Bookshop & Public Library all’istituto cinematografico Michelangelo Antonioni (domenica 9 maggio, alle ore 16), un progetto sulle librerie nell’immaginario cinematografico, ideato da Francesca Boragno. «Volevo togliere dal cono d’ombra il mestiere del bibliotecario e del librario, cercando di valorizzare la professione», ha spiegato la libraia a margine della conferenza. Nella sua realizzazione Boragno si è avvalsa dell’aiuto del critico cinematografico Paolo Castelli. «Abbiamo realizzato un video con i frame in libreria o che avessero come soggetto il libro. Ne è uscito un film molto poetico, che farà conoscere i luoghi della cultura», oltre a un mestiere, quello del libraio, da svolgersi in maniera trasversale e che sia da «intermediario tra le tante opere pubblicate e il pubblico».

BaBook: “Un capitale da valorizzare”

Alla presentazione c’erano anche Alessandro Fagioli, consigliere provinciale con delega alla Cultura, e Stefano Bruno Galli, assessore regionale all’Autonomia e alla Cultura. «Nel corso del 2020 – è intervenuto Facioli – in provincia di Varese abbiamo raggiunto quasi 700mila prestiti; dobbiamo incentivare la cultura legando insieme tutti i protagonisti (biblioteche, librerie e case editrici). Bisogna inoltre sostenere i luoghi della cultura, per toccare con mano i libri e farsi consigliare dagli addetti ai lavori».

L’assessore regionale ha sottolineato il valore dell’iniziativa, al pari dei festival organizzati su tutto il territorio lombardo: «La biblioteca in Regione Lombardia è il presidio di cultura più diffuso: su 1500 comuni, 1350 sono forniti di una biblioteca. La biblioteca è un luogo culturale dinamico, sistematico e con un patrimonio libresco consistente».

Il messaggio del festival? Leggere, ascoltare, crescere e «costruire individui e una collettività che guardino al futuro e riescano a migliorarlo».

di nicole.erbetti@gmail.com
Pubblicato il 04 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore