Varese News

Due fratelli e un cugino, chi sono gli autisti delle star al Busto Arsizio Film Festival

Da anni si occupano del servizio navetta del festival e sui sedili posteriori hanno potuto vedere numerose star del cinema e dello spettacolo. La storia di Francesco, Alessandro e Nicola

baff piazza san giovanni

Sabato scorso si è chiusa la ventesima edizione del Busto Arsizio Film Festival, l’annuale kermesse cinematografica che ingaggia la comunità bustocca e intrattiene generazioni di cittadini appassionati della settima arte. Abbiamo gettato uno sguardo all’interno degli ingranaggi che muovono la macchina del festival: a bordo di una futuristica auto ibrida Francesco, 25 anni e bustocco doc, ci ha raccontato la sua avventura annuale, svelandoci alcuni retroscena interessanti del suo ruolo di autista durante la settimana del BAFF.

Tutto in famiglia

Vale la pena sottolineare un presupposto bizzarro: Francesco è parte di un team di driver decisamente peculiare, dal momento che è composto in gran parte da membri della sua famiglia, entrati nelle trame dell’organizzazione grazie all’aiuto del cugino Alessandro, studente dell’Istituto Antonioni e anche lui chauffeur d’eccezione di quest’edizione del BAFF; insomma, una gestione quasi tutta in famiglia, garanzia di un’intesa vincente e di un patrimonio di ricordi che probabilmente si sovrapporrà ai racconti dei nonni e degli zii.

Ricky Tognazzi: il perfetto compagno di viaggio e di conversazioni

D’altra parte, non succede tutti i giorni di scarrozzare Ricky Tognazzi per la provincia di Varese, scambiando con lui pensieri e opinioni sul mondo che verrà. Francesco è estremamente entusiasta di questo incontro, e racconta: «Non fatevi ingannare da chi vi dirà che Riccardo è spocchioso per via della fama: è incredibilmente simpatico e intelligente, abbiamo parlato per due ore intere della contemporaneità, di arte, design; e soprattutto di donne, ovviamente. È un uomo d’altri tempi, il classico burbero dal cuore d’oro con lo sguardo sempre proiettato sul futuro. Ci vorrebbe un “Ricky Tognazzi di cittadinanza”. Spero torni presto a Busto, è una persona stupenda».

BAFF: dove le stelle del cinema e gli addetti ai lavori si incontrano di fronte alle eccellenze bustocche

Francesco, dopo aver sincronizzato gli orologi con il fratello Nicola e il cugino Alessandro, per tutti e sette i giorni di festival riscopre la città di Busto Arsizio sotto una nuova luce: racconta del clima di assoluta accoglienza e cooperazione che si instaura tra gli ospiti e gli artisti, che spesso si sono trovati seduti insieme ai tavoli delle principali eccellenze culinarie della città: «È un’occasione unica per mostrare alle persone di cosa è capace il nostro comune e quante siano le realtà di livello di cui possiamo vantarci: basti pensare che un’ospite giunta da Los Angeles ha fatto carte false per farsi accompagnare a fare shopping nelle boutique del centro. Da LA a BA il passo è breve».

di
Pubblicato il 14 Aprile 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore