Per la Pallamano Cassano Magnago la salvezza passa da Malo

Il match di domani, mercoledì 13 aprile in casa al palazzetto Tacca di Cassano Magnago per uscire dalla zona play-out e prendere ossigeno: fischio d'inizio alle 20.30. Coach Onelli: “Pronti per un finale di stagione che per noi sarà come disputare tre finali”

pallamano cassani magnago A1 femminile - foto di Stefano Moroni

Se i ragazzi della squadra A1 della Pallamano Cassano Magnago possono tirare un sospiro di sollievo per la salvezza dai play-out dopo il pareggio di sabato con Siracusa e guardare ai prossimi match contro Fasano e Alperia Merano senza pressione eccessiva, così non è per le ragazze di coach Salvatore Onelli che affronteranno una settimana importante in ottica salvezza. (Foto di Stefano Moroni).

Primo appuntamento mercoledì 13 aprile, alle 20.30, al palazzetto Tacca di Cassano Magnago, dove le amaranto affronteranno tra le mura amiche le guerriere di Malo.

Si tratta del recupero di uno due match saltati nelle scorse settimane a causa di alcune positività al Coronavirus (la seconda partita è quella contro Erice, che è stata riprogrammata per giovedì 28 aprile alle 18).

«La partita contro Malo non sarà facile», commenta coach Salvatore Onelli, «le padovane hanno bisogno di punti per non retrocedere e saranno agguerrite. Noi stiamo attraversano un buon momento di forma e siamo pronti per un finale di stagione che per noi sarà come disputare tre finali».

Sulla zona play-out, ha così affermato: «Siamo ancora in gara per evitare i play-out e a partire da domani ce la metteremo tutta per portare a casa tre vittorie che ci farebbero concludere il campionato come meritiamo». Infatti, il regolamento per la serie A Beretta femminile prevede la retrocessione diretta per l’ultima classificata, mentre dalla penultima alla quintultima la disputa dei play out su due turni per stabilire la seconda retrocessione.

CASSANO MAGNAGO VS MALO

La squadra malamente si presenterà in Lombardia con un nuovo innesto tra le fila delle guerriere, arrivata a gennaio: Sofia Rodriguez. Classe 1993, la terzina di origine argentina gioca a pallamano da quando ha cinque: ha militato nel Lanùs e ha vestito la maglia della nazionale argentina ai giochi panamericani. Questa è la sua prima esperienza in Italia.

Anche Malo è a rischio play-out, con oli 6 punti in classifica, esattamente come Cassano Magnago (15 punti), pertanto si preannuncia una gara accesissima dove nessuna delle due accetterà un risultato diverso da quello della vittoria. Le giocatrici venete arrivano da un campionato altalenante: nel girone di ritorno hanno vinto di misura contro Mezzocorona (28-27) e Leno (28-17), per il resto hanno perso sonoramente perso contro Erice, Pontinia, Mestrino, Casalgrande Padana, Brixen e Ariosto Ferrara.

Se a fine anno le amaranto con il posto assicurato alle Finals di Coppa Italia, il girone di ritorno si è dimostrato avaro di punti: escluso il pareggio con Padova a marzo, non vincono dallo scorso febbraio, quando batterono Leno (36-34); nell’ultima partita giocata a fine marzo le cassanesi hanno largamente perso contro Pntinia (35-29). Un buon risultato potrebbe infondere loro la sicurezza e la fiducia che sembrano aver smarrito da inizio 2022.

La classifica aggiornata: Brixen (39), Salerno (36), Mestrino (32), Pontinia (30), Ariosto Ferrara (20), Erice (20*), Casalgrande Padana (20), Padova (19), CASSANO MAGNAGO (15**), Guerriere Malo (6*), Mezzocorona (6), Leno (5)

di nicole.erbetti@gmail.com
Pubblicato il 12 Aprile 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore