Stefano Oldani da Busto Garolfo conquista la sua prima tappa al Giro d’Italia

Secondo successo consecutivo per l'Italia nella corsa rosa: in Liguria trionfa il 24enne altomilanese al primo successo tra i "pro". Battuti Rota e Leemreize al termine di una fuga a tre. Lopez resta in maglia rosa

stefano oldani ciclismo alpecin fenix

L’Italia s’è desta sulle strade del Giro e dopo le prime dieci tappe senza successi azzurri, nel giro di 24 ore è arrivata una doppietta. Mercoledì a Reggio Emilia la volata vincente di Alberto Dainese, oggi (giovedì 19) a Genova la festa per Stefano Oldani, 24 anni, altomilanese di Busto Garolfo. (foto Alpecin-Fenix/FB)

Il giovane portacolori della Alpecin-Fenix – quindi compagno di squadra della stella Mathieu van der Poel – si è imposto in uno sprint a tre sul traguardo del capoluogo ligure. Componente della corposa fuga di giornata, Oldani è rimasto nei chilometri finali in compagnia dei soli Lorenzo Rota, bergamasco della Intermarché, e Gijs Leemreize, olandese della Jumbo-Visma. Quest’ultimo ha provato a lanciare la volata ai 250 metri ma si è presto rialzato lasciando ai due lombardi il duello per la vittoria, andata al giovane milanese: per lui (cresciuto nella Kometa quando quest’ultima era una formazione Continental) si tratta del primo successo tra i professionisti.

La frazione appenninica partita da Parma, la più lunga di questo Giro con i suoi 204 chilometri, è stata come previsto preda dei cacciatori di tappa con il gruppo degli uomini di classifica che ha lasciato fare, terminando la prova a oltre 9′. Nel plotone dei fuggitivi si è inserito anche Vincenzo Albanese della Eolo-Kometa (terzo l’altro ieri a Jesi) che tuttavia non è riuscito a entrare nell’azione decisiva, quella appunto condotta da Oldani, Rota e Leemreize.

Tutto invariato quindi a livello di maglia rosa, con lo spagnolo Juan Pedro Lopez della Trek Segafredo che si veste con i colori del primato per la nona giornata consecutiva. Diego Rosa della Eolo resta saldamente al comando della classifica scalatori (anche se va registrato un balzo in avanti di Bauke Mollema) mentre il francese Arnaud Demare rimane leader della maglia ciclamino a punti. Venerdì 20 maggio altra frazione relativamente tranquilla: si va da Sanremo a Cuneo con un solo GPM di terza categoria (il colle di Nava) nella prima metà della giornata; possibile l’arrivo di un’altra fuga anche se le squadre dei velocisti proveranno a tenere cucito il gruppo.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 19 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore