Tifoso entra in campo e abbraccia i giocatori, multa da 2mila euro per la Pro Patria

Alla squadra di Busto Arsizio "costa caro" la gioia di un sostenitore che per festeggiare la vittoria sul Lecco ha fatto invasione di campo

Lecco - Pro Patria 0 a 2 (playoff 2022)

Con una multa da 2mila euro il giudice sportivo guasta la festa della Pro Patria a Lecco. Ieri pomeriggio – domenica primo maggio – nella partita valida per il primo turno playoff, i bustocchi hanno espugnato per 2 a 0 il Rigamonti-Ceppi, ma la gioia e gli abbracci dei tigrotti – impegnati mercoledì sera a Trieste – hanno come rovescio della medaglia un conto tutt’altro che gradito per le casse del club.

Stando alle parole del giudice sportivo Stefano Palazzi, la Pro Patria si è resa rea e responsabile dell‘invasione di campo da parte di un tifoso bianco-blu che ha abbracciato i calciatori dopo la vittoria. La motivazione ufficiale infatti riporta che “un suo sostenitore, dopo avere scavalcato la recinzione, entrato sul terreno di gioco ed essersi ivi intrattenuto, per circa cinque minuti, con i calciatori della sua squadra, abbracciandoli uno a uno. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 6, 13, comma 2, e 26 C.G.S., valutate le modalità complessive dei fatti e considerato che la Società sanzionata disputava la gara in trasferta. (r. proc. fed., r.c.c.)”.

Squalifiche dei giocatori a parte (espulso ieri Battistini per somma di ammonizioni), rimane invece imputo il Lecco, la cui tifoseria ha insultato e minacciato la nostra fotografa Roberta Corradin, obbligandola a cambiare postazione di lavoro a partita in corso. Come riportato settimana scorsa da LeccoChannelNews, ricordiamo che la società lariana ha accumulato un totale di quasi 20mila euro di sanzioni durante la stagione 2021/22, termina ieri con la sconfitta casalinga.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore