Varese News

Apre a Volandia il Museo dell’Auto in Miniatura

Dai giocattoli anni Cinquanta fino a quelli da collezione, il museo espone 6mila esemplari. Frutto della passione del pilota Andrea Sabelli. Sabato 18 l'inaugurazione "rombante"

Generico 13 Jun 2022

Che siano i giocattoli dei nostri bambini o rari pezzi da museo, le automobiline sono sinonimo di spensieratezza e divertimento.

E a chi se non ad Andrea Sabella, prima pilota ed ora organizzatore di eventi rallystici fra cui il Rally dei Laghi, poteva venire l’idea di dar vita in provincia di Varese ad una collezione sterminata, ricca di pezzi unici e dettagliatissimi di questi “frammenti della nostra infanzia?”.

Nasce così la collezione del Museo dell’Auto in Miniatura, frutto della passione per il collezionismo di Andrea, che dal giorno 18 giugno sarà esposta a Volandia, il parco e museo del volo a due passi da Malpensa. Le decine di migliaia di macchinine saranno visibili nella zona del soppalco all’interno del padiglione Ala Fissa, e si affiancheranno alle altre sezioni tematiche dedicate al modellismo statico, navale e ferroviario già presenti al museo, strizzando l’occhio alle “sorelle più grandi” della Collezione ASI-Bertone e del Museo Flaminio Bertoni, già da qualche anno ospitate negli edifici di Volandia.

In puro stile motoristico saranno madrine dell’inaugurazione quindici splendide auto da competizione: FIAT RITMO 130 Abarth gruppo A (Rally), FIAT RITMO 130 Abarth stradale, AUDI Quattro S1 “Corta” Gruppo B (Rally), AUDI Quattro “lunga” stradale, PEUGEOT 304 Gr.2 1974 (Rally) Team Aseptogyl, LANCIA DELTA EVOLUZIONE stradale (2 esemplari), RENAULT CLIO Gr.A (Rally), FORD SIERRA COSWORTH 2 volumi Gr.A (Rally), SUBARU IMPREZA STi stradale (2 esemplari), PEUGEOT 205 RALLYE Gr.A (Rally – 2 esemplari), BMW 325 Gr.A (Rally), SKODA FABIA R5 Gruppo R (Rally) che, a partire dalla mattinata, saranno esposte all’interno del cortile del museo a beneficio del pubblico.

«La collezione ha modelli da “edicola” (recenti ed a basso costo), quindi alla portata di qualsiasi collezionista, sino a modelli cosiddetti “obsoleti” ormai introvabili (anni ’50 sino agli anni ’90) passando per tutte le forme di realizzazione, tecniche e materiali che hanno caratterizzato l’automodellismo sino ai giorni nostri» ci racconta Andrea, «ed è organizzata in sezioni».

Gli spazi sono così dedicati alla Storia della 24Ore di Le Mans, Storia dei Rally, Storia di marchi automobilistici (Ferrari, Alfa Romeo, Fiat, Abarth, Lancia, Porsche ed altri…), Storia dell’automodellismo statico con marchi famosi da tutto il mondo, piste elettriche dagli anni 60, i garage per gli automodelli dagli anni Cinquanta, e vetture filoguidate, a molla, con movimento “mistery”, le vetture di Flaminio Bertoni in miniatura (“sorelline” di quelle esposte a pochi metri nel Padiglione dedicato all’artista varesino), le tute dei piloti e le loro vetture (Dindo Capello vincitore di 3 24h di Le Mans, Arturo Merzario pilota Alfa Romeo e Ferrari e vincitore di gare di Campionato del Mondo Endurance, Chantal Galli campionessa Italiana Femminile Rally e pilota ufficiale Jolly Club, Alessandro Rovera pilota Ufficiale Ferrari x Le Mans e vincitore di classe alla 24 Ore di Le Mans, Andrea Crugnola campione Italiano Rally, Giacomo Ogliari pilota Rally e detentore del record di vittorie al Rally dei Laghi di Varese).

«La collezione . prosegue Andrea – non si basa sul valore del singolo modello ma su quello che può “raccontare” quel particolare modellino, indipendentemente dal suo prezzo e dal suo stato. Le scale di riproduzione variano dall’1:87 (quella dei trenini) sino alla 1:8. Il numero dei pezzi della collezione si aggira intorno ai 6.000 esemplari, frutto di una vita di collezionismo».

L’accesso al Museo dell’Auto in Miniatura è compreso nel biglietto di Volandia e la sezione, posizionata sul soppalco del Padiglione Ala Fissa, sarà aperta al pubblico con gli stessi orari del parco e museo del volo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 Giugno 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore