Varese News

Cassani resta sindaco di Gallarate. “Non mi candido, più serio rimanere qui”

Dopo giorni di rumors e retroscena, il primo cittadino annuncia ufficialmente che rinuncia all'ipotesi di candidatura a Roma, per cui avrebbe dovuto dimettersi prima delle elezioni del 25 settembre

Centrodestra Cassani Gallarate

«Chi fa il sindaco è abituato ad anteporre gli interessi della collettività ai propri e anche in questo caso sarà così.». Con queste parole il sindaco di Gallarate Andrea Cassani interviene «per mettere la parola fine sulle voci» di una sua candidatura a Roma, al Parlamento.

Cassani, essendo sindaco di città con più di 20mila abitanti, avrebbe dovuto dimettersi al massimo entro venerdì, prima delle votazioni del 25 settembre. Ma non sarà così: continuerà a fare il sindaco di Gallarate.

«Come detto in tutte le dichiarazioni di questa ultima settimana e come ho sempre detto a tutti i giornalisti, ho sempre saputo che sarei rimasto a Gallarate. Ringrazio per gli attestati di stima da parte dei colleghi della Lega e degli altri partiti ma soprattutto i cittadini a cui confermo che rimarrò a Gallarate. In virtù dello scenario attuale, ritengo più serio e corretto continuare ad amministrare Gallarate. E dico ciò, al di là delle mie personali velleità e della volontà del partito».

Proprio ieri Cassani era stato incalzato dal sindaco di Varese Davide Galimberti che aveva detto di non volersi candidare e (con mezza invasione di campo) aveva chiesto anche a Cassani e al collega bustocco Antonelli di fare altrettanto.

«Ovviamente alle domande sul mio futuro ho sempre risposto in modo sincero, candido e in linea con quanto già dichiarato in passato» ribadisce oggi Cassani. «Chi fa il sindaco è abituato ad anteporre gli interessi della collettività ai propri e anche in questo caso sarà così. Il consenso e la stima si devono guadagnare dal basso, ogni giorno, con impegno e sacrificio ed è quello che sto facendo da 6 anni e che continuerò fare volentieri per i miei cittadini».

«Sono certo che chiunque sarà candidato nelle liste della Lega farà bene e credo opportuno a questo punto parlare di programmi perché i nostri cittadini e gli stessi Enti Locali sono in grave difficoltà finanziarie e servirà presto un nuovo governo che possa sostenere i cittadini, le imprese e i comuni che a causa degli aumenti smisurati dell’energia saranno costretti a tagliare molti servizi per i cittadini».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 Luglio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore