Dopo quattro anni a Castano Primo diventa realtà il monumento a don Gnocchi e agli Alpini

La stele con il cappello con la penna nera è stata svelata nel mezzo della rotonda sulla via per Oleggio, all'ingresso del paese. Un progetto partito nel 2018: oggi è grande festa

Castano Primo Turbigo Castanese

Ci sono voluti quattro anni dall’avvio del progetto, per colpa della pandemia. Ma alla fine a Castano Primo è diventato realtà il monumento dedicato agli Alpini e in particolare al beato don Carlo Gnocchi, il cappellano che – reduce dalla campagna di Russia – si dedicò agli orfani e ai bambini mutilati.

L’inaugurazione sulla rotonda di via per Oleggio, domenica 3 luglio sotto un gran sole, è stato un momento emozionante per tutti, a completamento di un intervento desiderato da tempo. «Grazie per l’impegno, il lavoro e la dedizione che da sempre vi contraddistinguono e che, ancora una volta, si sono dimostrate forti e chiare con questo ulteriore omaggio che avete voluto fare alla nostra e alla vostra Castano» ha detto il sindaco Giuseppe Pignatiello.

«Un’opera che racchiude al suo interno non uno, bensì più significati. Da una parte, infatti, è dedicata ad un figura che è stata, è e sarà per sempre un punto di riferimento e un esempio (il Beato Don Carlo Gnocchi), dall’altra è, contemporaneamente, un ricordo per tutte le persone che, purtroppo, non ci sono più (le vite spezzate, come le hanno ribattezzate); e assieme poi anche quei pensieri alle brigate alpine e alla nostra comunità intera. Un bellissimo dono che partendo dal passato e dal presente, guarda al futuro».

Castano Primo Turbigo Castanese

La stele al centro del monumento è infatti completata dal simbolo delle brigate e da quello del Comune: è un bel passo per il gruppo alpini castanese, nato nel 2000 e guidato da Mario Noè.

La giornata di grande festa  -dopo l’inaugurazione del monumento sulla rotonda tra via per Oleggio e via 26 febbraio – è proseguita alla vicina tensostruttura dove è appunto in corso la tradizionale “Festa Alpina” arrivata alla sedicesima edizione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 Luglio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore