Come scegliere la piattaforma di eCommerce più adatta alle proprie esigenze

Negli ultimi anni aprire un sito di eCommerce sta diventando una realtà sempre più frequente per svariati commercianti, da chi ha già un negozio fisico ma ha intenzione di ampliare o modificare la propria attività

ecommerce

Negli ultimi anni aprire un sito di eCommerce sta diventando una realtà sempre più frequente per svariati commercianti, da chi ha già un negozio fisico ma ha intenzione di ampliare o modificare la propria attività, a chi si avvicina per la prima volta al mondo delle vendite e ritiene che questa sia la modalità adatta.

A meno che non si sia già assolutamente competenti nel commercio online, la strategia migliore è sempre rivolgersi a degli specialisti del settore, come la web agency DSI Design, esperta nella realizzazione di eCommerce a Torino.

Scegliere la piattaforma migliore per il proprio sito

In qualunque modo ci si avvicini all’eCommerce, e comunque si decida di procedere, ci sono delle tappe comuni a tutti, e una di esse riguarda una decisione da compiere piuttosto all’inizio del percorso: scegliere tra un piattaforma di vendita online open source e una proprietaria

Le open source sono già preimpostate, pronte per l’uso e con una forte possibilità di personalizzazione a seconda delle esigenze del venditore; il loro codice sorgente è pubblico, e hanno una serie di funzionalità di base gratuite, più delle implementazioni talvolta a pagamento.

Le piattaforme proprietarie al contrario hanno un codice non modificabile direttamente, ma che viene modellato appositamente per il sito di eCommerce che se ne avvale; il loro costo è quindi più elevato da subito, con la possibilità di sottoscrivere abbonamenti con pagamenti periodici.

Entrambi i sistemi hanno dei pro e dei contro, che andremo subito a esaminare e valutare; la scelta tra uno o l’altro deve riguardare quale dei due si adatta meglio all’eCommerce che si vuole aprire. Ciò che per un’azienda potrebbe risultare incredibilmente vantaggioso, potrebbe non esserlo per un’altra, e viceversa.

Pro e contro delle piattaforme open source

Come abbiamo già visto, la principale caratteristica di una piattaforma open source è avere il codice sorgente di pubblico dominio, modificabile da chiunque se ne intenda. Solitamente il codice che si utilizza nel momento dell’apertura di un eCommerce è già stato rivisto e implementato da centinaia di sviluppatori sparsi per il mondo.

I lati positivi che fanno propendere verso il suo utilizzo sono la facilità di gestione e di personalizzazione, i costi più contenuti e la velocità e semplicità di creazione del sito. Inoltre, spesso l’integrazione con altri software avviene con relativa facilità.

Di contro tuttavia, non esiste un servizio di assistenza dedicato, ma solo community online a cui interfacciarsi; questo significa anche che è sempre meglio avere già delle conoscenze pregresse in materia, altrimenti si dovrà affidare la gestione del sito a terzi, con ovvio aumento di spesa. È anche possibile che nel corso del tempo sia necessario compiere degli aggiornamenti periodici,  nonché l’installazione di plug-in necessari per personalizzare il sito secondo le proprie esigenze.  Il codice pubblico rende anche più vulnerabili a eventuali attacchi hacker.

Pro e contro delle piattaforme proprietarie

Il codice di una piattaforma proprietaria non è invece accessibile in modo diretto, poiché appartenente a un determinato sviluppatore (o a un gruppo).

Di positivo ha la possibilità di creare un sito di vendite progettato e personalizzato da zero, in base alle esigenze di chi lo ha commissionato, e che nel tempo può essere modificato a seconda dei bisogni, con un supporto tecnico garantito per ogni difficoltà. Questo può giocare un ruolo fondamentale anche nella promozione dell’eCommerce, che si trova ad avere un’identità unica e distinta, facilmente individuabile a livello di grafica e contenuti. Non è necessaria l’installazione di aggiornamenti o plug-in e, inoltre, il livello di sicurezza contro gli hacker è decisamente alto.

Il lato negativo ovvio è il costo certamente più elevato, dato il lavoro personalizzato e dedicato che viene svolto.

In sintesi, tra tutte le caratteristiche e i pro e contro, non resta che scegliere ciò che si ritiene più utile e adatto alla propria attività.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 Settembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore