Varese News

Molestie sul luogo di lavoro, un progetto delle donne di Confcommercio Varese per sensibilizzare i giovani

Una giuria di donne e prof dell'Icma ha selezionato la sceneggiatura di Giacomo Cereghini per il corto che farà il giro delle scuole superio della provincia. Riganti di Terziario Donna: «Puntiamo alle nuove generazioni»

confcommercio terziario donna cristina riganti

Le molestie sul luogo di lavoro sono al centro dell’attenzione del settore Terziario Donna di Confcommercio e per dare adeguato risalto ad un problema molto sentito e diffuso. Per questo nei mesi scorsi è stato indetto dall’associazione di categoria un concorso di sceneggiature rivolto agli studenti dell’Istituto Cinematografico Antonioni per la realizzazione di un cortometraggio che verrà proiettato per i ragazzi delle scuole superiori della provincia di Varese.

Proprio questa mattina nella sede dell’istituto a Villa Calcaterra di Busto Arsizio è stato nominato il vincitore di questo concorso, il 24enne studente del secondo anno Giacomo Cereghini, che ha conquistato la giuria con “Le dita”, battendo altri cinque compagni di scuola.

Così ha introdotto il tema Cristina Riganti, responsabile di Terziario donna: «Da sempre facciamo progetti a tutto tondo sull’impresa al femminile. Questa volta abbiamo toccato un argomento che riguarda da vicino le donne e lo abbiamo fatto con la curiosità di entrare nella testa dei ragazzi per capire come veniva esplorato il tema delle molestie. Quello che ci ha stupito è che sono stati prevalentemente i maschi a scrivere sceneggiature. Ci siamo chieste il perché io e Laura Campiglio, una giornalista, scrittrice e conduttrice radiofonica del nostro territorio che ha collaborato con noi. Insieme a me ha fatto parte della giuria composta in parte dal terziario donna e in parte dai professori dell’Icma». A Giacomo Cereghini è stato consegnato un assegno da 1500 euro come premio per il lavoro svolto.

L’iniziativa è stata subito sposata da Alessandro Munari, presidente del cda dell’Icma e dall’amministratore delegato Marco Crepaldi che poi è entrato nel dettaglio: «Il prodotto doveva essere veicolato nelle scuole secondarie e che quindi si rivolge ai giovani e non solo agli adulti. Ha vinto un ragazzo del primo anno molto bravo. Massimiliano Scurati e Andrea Caccia sono i docenti che hanno partecipato. È stata un’opportunità per i nostri studenti di provare in modo pratico quello che si insegna qui». Crepaldi ha poi annunciato che sarà l’ex-studentessa e oggi affermata regista Viola Folador a dirigere il cortometraggio, insieme a studenti ed ex studenti.

confcommercio terziario donna cristina riganti

Laura Campiglio ha spiegato dal punto di vista narrativo perchè la scelta è ricaduta sul lavoro di Cereghini: «Abbiamo analizzato le 5 sceneggiature e scelto Giacomo all’unanimità. Il suo lavoro ci ha messo d’accordo perchè emana grande sensibilità nel rendere la natura subdola e sfumata della molestia. La battuta infelice, la pressione psicologica e la conseguenza sulla vittima, l’autocolpevolizzazione. Tutto è stato reso con grande maestria e precisione. Mi ha stupito la scelta di mettere a confronto lo scarto generazionale tra il 45enne alfiere della mascolinità tossica e un giovane che ha sensibilità diverse».

Giacomo Cereghini ha spiegato il percorso che lo ha portato a scrivere “Le dita”: «Sono giovane e le conoscenze che ho sul tema sono mediate. Quindi ho studiato, ascoltando alcune conferenze sul tema per acquisire le competenze necessarie. Come luogo di lavoro ho scelto l’ufficio perché mi è sembrato il luogo ideale dove possono accadere queste cose».

Munari, che è anche editorre, ha poi donato ai presenti un volume dedicato alle molestie scritto da due giuristi: «Proprio di recente abbiamo dato alle stampe questo volume “La violenza sessuale tra le avances e le molestie”. Un testo aggiornato al nuovo codice rosso».

Riganti ha poi concluso anticipando la seconda parte del progetto che partirà dal 20 novembre: «Il corto sarà il punto di partenza di un progetto che coinvolgerà le scuole superiori di tutta la provincia. Lo faremo visionare agli studenti delle classi terze e quarte superiori in un’ottica di prevenzione con un format particolare di cui non vi sveliamo i particolari ma che vedrà la presenza di Laura Campiglio. Si partirà il 24 novembre al teatro Condominio di Gallarate e poi ci saranno tappe anche a Varese, Busto Arsizio, Saronno e Luino».

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 05 Ottobre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore