Varese News

Organizzazione al lavoro per la visita di Mattarella a Varese: cento posti per vedere il Presidente

Tra gli ospiti che hanno accettato l’invito dell’ateneo anche la ministra dell’Università e della ricerca Anna Maria Bernini

sergio mattarella

Mancano pochi giorni alla visita ufficiale del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Varese. Un appuntamento importante che coinvolge più piani: quello politico e simbolico, rappresentato dalla visita di un Capo di stato in città (a Varese non accadeva dal 2011 con Giorgio Napolitano), ma anche un ingente sforzo organizzativo che vede già in campo lì’Università Insubria, il Comune di Varese e la Prefettura.

L’Università degli Studi dell’Insubria vedrà la presenza del Presidente in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico 2022-2023. La cerimonia si terrà nell’Aula Magna dell’ateneo a Varese martedì 15 novembre, dalle ore 11 alle 12; e la visita del Capo dello Stato, invitato dal rettore Angelo Tagliabue e dal sindaco di Varese Davide Galimberti, proseguirà con l’inaugurazione del Palaghiaccio (QUI LA PRENOTAZIONE).

Tra gli ospiti che hanno accettato l’invito dell’ateneo anche la ministra dell’Università e della ricerca Anna Maria Bernini. Presenti le istituzioni: il governatore di Regione Lombardia Attilio Fontana, il prefetto di Varese Salvatore Rosario Pasquariello e il prefetto di Como Andrea Polichetti, il sindaco di Como Alessandro Rapinese, i presidenti della Provincia di Varese Emanuele Antonelli e della Provincia di Como Fiorenzo Bongiasca.

È la prima volta nella storia dell’Insubria, che il 14 luglio 2023 compie 25 anni, che un Capo dello Stato interviene all’inaugurazione dell’anno accademico; nel 2011 l’ateneo aveva accolto Giorgio Napolitano nell’ambito delle celebrazioni per il 150° dell’Unità d’Italia. Ed è la prima volta che il presidente Mattarella è in visita ufficiale a Varese.

Il cerimoniale

La cerimonia in Aula Magna, condotta dal professor Fabio Angeli, si aprirà con l’Inno di Mameli cantato dal Chorus Insubriae diretto dal maestro Andrea Gottardello, al pianoforte Corrado Greco, voce solista il soprano Francesca Lombardi Mazzulli. La compagine canterà anche l’Inno alla gioia e, a conclusione, il Gaudeaumus Igitur.

Le prime due brevi relazioni in programma sono di Margherita Crespi, rappresentante degli studenti nel Senato accademico, e di Cecilia Pellicanò per il personale tecnico-amministrativo. La lectio del professor Vincenzo Salvatore è intitolata «Dall’Europa del diritto all’Europa dei diritti». Seguiranno un intervento della ministra Anna Maria Bernini e poi il discorso del Rettore Angelo Tagliabue, che si rivolgerà al Presidente della Repubblica, alla platea e a tutta la Comunità accademica.

I posti per assistere alle cerimonie

ALL’UNIVERSITA’: Per ragioni di capienza dell’Aula Magna, che dispone di 310 posti, l’accesso è su invito: oltre agli ospiti previsti dal cerimoniale del Quirinale, saranno presenti una delegazione di professori in toga, una rappresentanza del personale tecnico-amministrativo e una rappresentanza degli studenti. Le celebrazioni per l’anno accademico saranno trasmesse in streaming nelle aule dell’Ateneo, a Varese, Como e Busto Arsizio; la didattica sarà sospesa dalle 10.45 alle 12.30.

AL PALAGHIACCIO: Una diretta è prevista anche sul maxischermo del Palaghiaccio di Varese, dove poi si terrà una cerimonia presentata dall’atleta olimpica Valentina Marchei a cui parteciperanno il rettore Angelo Tagliabue e gli atleti del Cus Insubria e dei College sportivi. Inoltre, al Palaghiaccio sono riservati cento posti a docenti, studenti e personale dell’ateneo: il pass gratuito va prenotato su Event Brite entro giovedì 10 novembre alle ore 18. Link EventBrite per richiedere il biglietto gratuito per il Palaghiaccio di Varese.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 Novembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore