Pier Francesco Maran si candida alle primarie del Centrosinistra per la presidenza della Regione Lombardia

L'attuale assessore alla casa e ai quartieri del comune di Milano ha deciso di candidarsi alle primarie - ancora non ufficialmente decise - per l'elezione del presidente della Regione Lombardia "Abbiamo 92 giorni bisogna muoversi da subito"

varie

Pierfrancesco Maran, attuale assessore alla casa e ai quartieri del comune di Milano ha deciso di candidarsi alle primarie – ancora non ufficialmente decise – per l’elezione del presidente della Regione Lombardia.

Lo ha fatto in una conferenza stampa che si è tenuta al teatro Pier Lombardo e in streaming su You Tube nella mattina del 12 novembre 2022.

Una candidatura netta, che va anche al di là dell’effettuazione delle primarie: «Io da oggi sono in campo contro Letizia Moratti e Attilio Fontana che hanno presentato la loro candidatura – ha ribadito ai giornalisti che lo chiedevano –  Sono pronto a candidarmi alle primarie e la mia storia politica dice che funziono meglio quando sono richiesto dagli elettori, ed è molto difficile che io sia cooptato dagli apparati».

Nel discorso introduttivo della sua candidatura, Maran ha avuto modo di citare anche l’amministrazione di Varese: «C’è una capacità e un modello nel centrosinistra che tiene insieme i partiti e riesce a vincere: Da Gori a del Bono ai due Galimberti (I sindaci di Varese Davide e di Cremona Gianluca, ndr). Queste vittorie dicono noi sappiamo vincere quando vediamo i cambiamenti e sappiamo dare risposte, lavorando nel campo più largo possibile – ha spiegato Maran – Io personalmente cercherò fino all’ultimo di allargare la coalizione piu possibile, e sinceramente non credo che non ci siano motivi per cui un elettore del terzo polo non possa votare per me. Anzi magari si troverebbero meno a disagio nella presentazione di una figura veramente in grado di riformare la politica».

Una politica della concretezza che è già stata premiata e su cui intende puntare: «Se vinceremo, gli elettori devono sapere che porteremo in giunta quelli che hanno governato bene i propri comuni. Dobbiamo mostrare che non solo siamo stati capaci di vincere, ma che possiamo fare il salto».

Ora i tempi sono stretti:  «Se è vero quello che dicono, le elezioni si terranno il 12 febbraio: abbiamo 92 giorni bisogna muoversi da subito, da questo weekend. Non lasciamo un altro weekend ad Attilio Fontana e Letizia Moratti».

LO STREAMING COMPLETO SU YOU TUBE

di
Pubblicato il 12 Novembre 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore