Varese News

Gli otto varesini della lista Azione e Italia Viva a sostegno di Moratti: “Un impegno popolare contro il populismo”

Eccola la lista degli otto candidati del Terzo Polo per le elezioni regionali, una lista che conferma il ticket tra Azione e Italia Viva con anche alcune figure indipendenti

lista azione italia viva varese regionali

Ci sono l’assessore del Comune di Varese Nicoletta San Martino, l’ex sindaco di Busto Arsizio Gigi Farioli e il sindaco di Lozza e coordinatore di IV Giuseppe Licata. Ma anche operatori del turismo, imprenditori e professionisti. Eccola la lista degli otto candidati del Terzo Polo per le elezioni regionali, una lista che conferma il ticket tra Azione e Italia Viva con anche alcune figure indipendenti.

“Alla Lombardia serve un cambio di passo – spiegano Silvio Barosso e Giuseppe Licata, coordinatori provinciali rispettivamente di Azione e Italia Viva -. La qualità dei servizi è gradualmente peggiorata e le competenze regionali riguardano temi chiave come la sanità, il trasporto pubblico locale, la formazione professionale, la manutenzione del territorio. Ora siamo pronti per presentare ai cittadini la nuova fase di un progetto politico ambizioso, nato alle scorse elezioni politiche e cresciuto grazie al voto di moltissimi elettori lombardi. Con la squadra dei candidati alle regionali di Azione-Italia Viva intendiamo continuare a crescere e fare valere le nostre proposte ad ogni livello istituzionale”.

Una squadra del territorio

La squadra di candidati al Consiglio Regionale della lista Azione-Italia Viva in provincia di Varese, spiegano dal partito, «si compone di persone radicate sul nostro territorio, che saranno punto di riferimento in provincia e di raccordo con le nostre rappresentanti in parlamento, Gadda e Versace. La composizione della nostra lista risponde ai criteri di rappresentatività territoriale provinciale e soprattutto qualifica – attraverso le caratteristiche dei candidati – i temi fondativi del progetto politico della federazione tra Italia Viva e Azione. La famiglia e il terzo settore, l’impresa, la scuola e la cultura, il ruolo degli amministratori locali sul territorio. Uomini e donne con provenienze politiche diverse, impegnati a costruire uno spazio politico popolare ma non populista».

La lista dei candidati di Azione – Italia Viva in Provincia di Varese

A candidarsi, dunque, sono Giuseppe Licata, Anna Agosti, Giacomo Alessandro Cattaneo, Marika Merani, Gianluigi Farioli, Anna Lisa Renoldi, Stefano Sist e Nicoletta San Martino. Ecco la presentazione così come descritta dai partiti:

Giuseppe Licata (capolista), 45 anni, ingegnere informatico presso la Prefettura di Varese, Sindaco al secondo mandato del comune di Lozza, sempre in prima linea insieme ai cittadini, nella quotidianità come nei momenti di emergenza, come è stato per la pandemia, a stretto contatto con le loro difficoltà, le loro preoccupazioni e i loro bisogni. Eletto per due volte Consigliere della Provincia di Varese, si è occupato di Politiche del Lavoro, Bandi Europei, Digitalizzazione e Bilancio. Da lavoratore, non ha mai smesso di studiare conseguendo un master in Organizzazione e Innovazione nella Pubblica Amministrazione. Da anni combatte battaglie a favore della collettività, come quella per un trasporto pubblico locale efficiente o quella per la Pedemontana gratuita. Sposato con Francesca, di professione ostetrica, papà di Camilla e di Bianca.

Anna Agosti, 26 anni, è assessore a cultura, sport e servizi sociali nel Comune di Galliate Lombardo, dove vive. Da sempre impegnata nel sociale, è convinta che istruzione e cultura siano fondamentali per la crescita del territorio. Per questo sta concludendo la laurea magistrale in “Politics, philosophy and public affairs”. Si impegna, inoltre, a tutelare il diritto della persona malata e della sua famiglia ad essere consapevole e partecipe nella scelta del suo percorso di cura. Da pendolare riconosce l’urgenza di servizi di trasporto pubblico accessibili, efficienti e sostenibili. Nel progetto del Terzo Polo vede la possibilità di far accadere cose concrete con serietà e responsabilità, recuperando la credibilità necessaria per riavvicinare le persone alla politica.

Giacomo Alessandro Cattaneo, 58 anni, vive a Gallarate, città in cui è nato. Ha due figli, entrambi maschi, rispettivamente di 31 e 29 anni. Imprenditore del settore immobiliare e della moda, ha sviluppato negli anni una grande esperienza manageriale. Impegnato in politica dal 2005, alle ultime elezioni amministrative a Gallarate ha sostenuto la lista civica “Città è Vita”. Si presenta come candidato alle elezioni regionali in Lombardia con la lista Azione-Italia Viva, profondamente convinto del progetto politico che i due partiti stanno costruendo a livello locale e nazionale.

Marika Merani, 37 anni, varesina di adozione: in questa provincia ha potuto crescere, studiare, lavorare e trovare le opportunità che le consentono di vivere con dignità e passione la sua vita. Insegna alla scuola secondaria, in un istituto professionale varesino e ha una laurea in psicologia. Si avvicina a questa esperienza piena di entusiasmo, energia e voglia di portare il suo contributo di competenze in Regione Lombardia. La sfida del Terzo Polo e della candidata presidente, Letizia Moratti, è avvincente e per questo ha risposto con un grande SÌ alla richiesta di candidarsi come consigliere regionale. Da varesina e lombarda è grata di poter vivere in un tessuto dignitoso, laborioso e che offre opportunità a tutti coloro che si impegnano. Ecco: IMPEGNO. Lo stesso impegno che chiede a scuola ai suoi ragazzi lo intende mettere in questa avventura, cercando, se sarà eletta, di portare le istanze del suo mondo della scuola e della crescita dei ragazzi sui banchi del Consiglio Regionale.

Gianluigi Farioli (detto Gigi), da sempre impegnato in campo politico e culturale sul fronte liberale, si propone all’appuntamento delle regionali convinto dell’assoluta necessità di garantire sul fronte dell’offerta politica una credibile opzione che riproponga senza concessioni a populismi assistenziali o superficiali estremismi, il meglio delle culture che pongono al centro la persona e le sue libertà: la liberale delle prediche mai inutili di Einaudi, la popolare dei liberi e forti di don Sturzo, la socialista riformista dei fratelli Rosselli. Tutto permeato dalla convinzione che mai come oggi la Lombardia necessiti di proposte serie, coerenti e all’altezza delle migliori caratteristiche della sua tradizione operosa, innovativa, aperta ed europea. Lo fa, forte dell’esperienza e delle competenze maturate in anni di esperienza amministrativa ed istituzionale, maturata sia in consiglio regionale (dal 1995 al 2005) che al servizio della propria città, in diversi ruoli e funzioni ininterrottamente dal 1985 e della quale è stato sindaco dal 2006 al 2016.

Anna Lisa Renoldi è nata nell’estate del 1960 a Saronno, dove tuttora vive. Dopo il diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale “G.B. Grassi” di Saronno, si è laureata in Economia e Commercio all’Università Cattolica di Milano, sviluppando un forte interesse per le tematiche economiche e sociali, che ha approfondito in corsi di perfezionamento post-universitario. Ha maturato una lunga esperienza lavorativa presso una azienda leader mondiale nel settore delle telecomunicazioni avente sede a Milano, operando nella Direzione Amministrazione e Finanza in staff con il vertice aziendale. Dal 1999 al 2009 ha ricoperto a Saronno l’incarico di Vicesindaco ed Assessore alle Risorse Economiche ed Umane, Lavoro e Partecipazioni Societarie. Ha collaborato con un quotidiano on line, pubblicando articoli di tema economico ed è stata Presidente di una ONLUS costituita con lo scopo di sostenere la Divisione di Oncologia dell’Ospedale di Saronno, esperienza che le ha permesso di avvicinarsi ed approfondire le tematiche legate al mondo della sanità. Dal 2017 è Presidente del CdA di una società che gestisce impianti di stoccaggio carburante e dal 2021 Consigliere di Amministrazione di Saronno Servizi Spa, società multifunzione interamente partecipata da Enti locali.

Stefano Sist laghee innamorato della terra dove vive è da anni imprenditore dell’ospitalità sul Lago Maggiore gestendo una delle strutture di riferimento del territorio. Orgoglioso di avere un passato di costruttore edile, negli anni si è occupato di sistemi ambientali, logistica, urbanistica ed energie rinnovabili. Diplomato ingegnere al Politecnico in Logistica e Produzione, al giro di boa dei 50 anni ha deciso che era il momento di restituire, attraverso l’impegno politico, quanto il territorio gli ha dato in termini di risorse e opportunità. Nel Terzo Polo ritrova, oltre all’approccio costruttivo depurato da ideologie obsolete, la valorizzazione delle competenze. È convinto di abitare nel posto più bello del mondo e che la condizione necessaria per uno sviluppo territoriale sostenibile sia la creazione di opportunità imprenditoriali e professionalizzanti attraverso le reti e l’economia collaborativa.

Nicoletta San Martino, 62 anni, sposata, mamma di cinque figli e nonna di due bambini. Assessore al Comune di Varese dal 2021 con delega a Tutela Ambientale, sostenibilità sociale ed economia circolare. Da sempre attiva nel mondo del volontariato e dell’associazionismo, prima come volontaria poi come responsabile, in un’associazione cittadina. Convinta del valore del terzo settore come fattore di coesione sociale e di sviluppo, ha da subito cercato nella sua azione amministrativa una collaborazione nei vari ambiti di sua competenza con gli enti del terzo settore presenti in città, progettando e realizzando iniziative capaci di tenere insieme tutti gli aspetti della sostenibilità: ambientale, economica e sociale. Altro tema centrale per lei è la famiglia. Avere una famiglia numerosa dà l’opportunità di vedere con chiarezza quali sono i bisogni e le speranze dei giovani nei più diversi ambiti della loro vita: tra gli altri, scuola, formazione e università, trasporti, lavoro, politiche abitative e natalità. Si candida a consigliere in Regione Lombardia con Azione-Italia viva perché finalmente la politica diventi quello che è per vocazione; non più tifoserie contrapposte, ma ascolto, dialogo, lavoro per la realizzazione del bene comune, insieme a tutte le realtà della società, in un impegno comune e concreto per affrontare le sfide dei prossimi anni.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 Gennaio 2023
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore