Quantcast

Una volpe a Cuggiono: il paese in piazza per una paella per il nuovo murale

Nel 2023 il friulano Giulio Masieri ha dipinto un "cagnolino gigante" per ingentilire una piazzetta ricavata dalla demolizione di una corte nel centro storico del paese. E ora si punta a raddoppiare: il percorso per la nuova opera diventa occasione aggregativa

murale Cuggiono

Quando a Cuggiono è spuntato un cagnolino gigante nella piazza delle poste, quel murale ha acceso la curiosità, ha attratto l’attenzione anche da fuori, si è guadagnato le pagine del Corriere della Sera. E adesso a Cuggiono vogliono raddoppiare: portando sulla piazza anche una volpe. «Animale del territorio, presenza frequente nel Parco del Ticino», ricordano dall’Ecoistituto della valle del Ticino, l’associazione che sta promuovendo una serie di interventi di street art.

Per sostenere la realizzazione del nuovo murale proporranno sabato 25 maggio una serata a base di paella, proprio nella piazzetta della posta di Cuggiono (Largo Europa). Il luogo scelto per il primo murale e ora anche per quello nuovo è in qualche modo simbolico: una piazza aperta negli anni del “boom” economico, sacrificando vecchie corti di paese, e poi ridottasi a spazio un po’ informe e dedicato alla sosta dei veicoli.

La serata stessa propone così un uso diverso dello spazio: «Quella sera in quella piccola piazza, al posto di auto parcheggiate, ci saranno tanti tavoli che ospiteranno i cittadini che in modo conviviale contribuiranno a coprire le spese della realizzazione del secondo murale che la abbellirà» spiegano ancora quelli dell’Ecoistituto.

murale Cuggiono
Il murale del cagnolino realizzato da Giulio Masieri nel 2023

Anche il piatto servito non è casuale: la paella è una tradizione locale – per così dire – da molto tempo: un piatto un tempo veramente esotico, portato in zona da un giovane anarchico catalano esule, scappato negli anni Settanta dalla dittatura di Franco. Dal 1992 la paella è poi diventata il piatto ufficiale della Festa del Solstizio, appuntamento d’inizio estate che dura tre giorni e che vede impiegata una grande padella per cucinare il tipico piatto spagnolo.

La festa in piazza prevede paella e sangria a 15 euro (prenotazioni allo 02 074075 in orari negozio o al cellulare 348 351 53171). E ovviamente tutti i fondi andranno appunto per il nuovo murale della volpe, affidato all’artista friulano Giulio Masieri, “specializzato” in questa serie di interventi di street art capace di suscitare simpatia.

Sarà una bella opera, ma – come ricordava Oreste Magni, una delle anime dell’Ecoistituto – più bello ancora è quel che c’è prima: l’idea di unire il paese in momenti comuni e per un obiettivo.

Nella piazzetta di Cuggiono spunta un cagnolino gigante

Roberto Morandi
roberto.morandi@varesenews.it
Fare giornalismo vuol dire raccontare i fatti, avere il coraggio di interpretarli, a volte anche cercare nel passato le radici di ciò che viviamo. È quello che provo a fare.
Pubblicato il 13 Maggio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore