Varese News

La droga era un affare di famiglia: due cugini in arresto, mamma e sorella denunciate

Operazione Carabinieri di Novate nella zona della stazione. Due arresti e due donne denunciate perché hanno cercato di opporsi alla perquisizione della casa facendosi scudo con quattro cani di razza Amstaff

Avarie

(Nella foto: droga e soldi sequestrati dai Carabinieri a Novate Milanese)

I Carabinieri della Stazione di Novate Milanese hanno messo a segno un significativo colpo allo spaccio di stupefacenti  in paese.

Da qualche settimana erano stati notati movimenti sospetti ed un via vai di persone, anche non residenti della zona, nell’area di via Volta, non distante dalla stazione di Novate, tanto da spingere i carabinieri ad organizzare una serie di servizi di osservazione, constatando che in effetti era in atto una florida attività di spaccio di sostanze stupefacenti.

La centrale dello spaccio era proprio in un’abitazione di via Volta, occupata da un pregiudicato già noto alle forze dell’ordine. Durante un appostamento, i carabinieri sono riusciti a documentare pienamente la cessione di un involucro ad un acquirente, prontamente fermato appena uscito dall’abitazione dove si era recato a rifornirsi. Il ragazzo, un 31enne residente a Bollate, è stato trovato in possesso di un involucro con 6,5 grammi di marijuana, subito sequestrata dai Carabinieri che hanno provveduto anche a segnalare il ragazzo alla Questura come assuntore.

Con i mano la prova dei loro sospetti, i Carabinieri hanno rapidamente organizzato ed eseguito una perquisizione domiciliare nella casa sotto osservazione, dove hanno sorpreso gli spacciatori, due cugini di nazionalità italiana,  un 27enne residente a Novate e un 28enne nato a Catanzaro ma domiciliato in Baranzate, ambedue nullafacenti e pregiudicati.

In casa c’erano anche la mamma e la sorella del 27enne che non hanno collaborato tanto volentieri con i Carabinieri: le due donne hanno iniziato ad inveire e a tentare di rallentare le operazioni dei militari, in particolare rifiutandosi nelle prime fasi di legare e contenere i quattro cani di razza Amstaff.

Una volta calmata la situazione, i Carabinieri hanno eseguito la perquisizione, trovando nella casa 56 gr di cocaina, circa 90 grammi di sostanza da taglio, 1 bilancino di precisione con vario materiale per il confezionamento delle dosi, diversi telefoni cellulari e 27.429 euro in contanti, nascosti in una scatola metallica in una camera da letto, tutto sottoposto a sequestro.

L’operazione dei Carabinieri si è conclusa con l’arresto  dei due giovani con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, mentre le due donne sono state denunciate a piede libero per resistenza a pubblico ufficiale.   

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 Marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore