A Malpensa suona Levante e la Milano Music Week prende il volo

La cantante ha partecipato alla presentazione del festival internazionale della musica che andrà in scena dal 18 al 24 novembre a Milano

«Inizio con un brano che mi ha portato fortuna. Sei anni fa lo cantavo per le strade di Torino, in mezzo alla gente e sono contenta di farlo anche qui, oggi». Levante canta “Alfonso”, il pezzo che l’ha resa nota al grande pubblico e che le ha aperto le porte al mondo della musica. Questa volta lo fa all’aeroporto di Malpensa, durante la presentazione della prossima edizione della Milano Music Week e dove lei è l’ospite speciale.

Nel giorno della Festa Internazionale della Musica infatti, una piccola zona dell’area check-in dell’aeroporto è stata utilizzata per presentare la settimana edizione della rassegna dedicata al mondo musicale. In programma dal 18 al 24 novembre 2019, si terrà a Milano e vedrà tra gli ospiti anche la cantautrice. Il suo concerto al Mediolanum Forum di Milano è in programma per il 23 novembre e andrà a completare un calendario di sei giorni, tra incontri e iniziative in tutta la metropoli.

«Lo snodo internazionale di Malpensa è il giusto palcoscenico dal quale annunciare la prossima edizione, la terza, della Milano Music Week – dichiara l’assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno -. Il modello, vincente, resta lo stesso delle precedenti edizioni, ma l’impetuosa crescita dell’iniziativa registrata nei due anni precedenti richiede un salto di qualità dal punto di vista della governance del progetto, affinché possa consolidarsi come piattaforma ideale per dare vita a un vero e proprio masterplan di Milano come città protagonista del circuito internazionale delle music cities”».

«Siamo felici di ospitare questa presentazione e sostenere questa iniziativa – ha commentato Armando Brunini, amministratore delegato di Sea -. Siamo felici di offrire ai nostri ospiti momenti piacevoli, come quelli che la musica può regalare ed in particolare di sostenere un festival così importante».

La scorsa edizione infatti, ha coinvolto oltre 200 artisti da ogni continente, 70 location, 135 live, 64 djset, 72 incontri e workshop di formazione, più di 100 partner produttori di contenuti e quest’anno si punta ad un palinsesto altrettanto ricco e in grado di raccontare la musica a 360°. «Una settimana chje nasce nel segno dell’internazionalizzazione, di Milano come hub artistico in cui si arriva dal resto d’Italia e dall’estero per produrre musica –spiega Luca De Gennaro, curatore della Milano Music Week e Vice Presidente Talent & Music di Viacom International Media Networks.-. Sarà una settimana in cui si celebrano la pluralità e la convivenza di diverse culture unite dalla musica. Inviteremo i milanesi e coloro che arriveranno in città per la Milano Music Week a partire con noi per un giro del mondo in sette giorni, dove ogni musica, ogni artista, ogni cultura merita rispetto e attenzione”.

Tempo libero generica

MILANO MUSIC WEEK, LE ANTICIPAZIONE DEL 2019

Concerti, dj set, show case fino a incontri, workshop di formazione, mostre ed eventi speciali saranno in scema come risultato di un lavoro collettivo che vedrà protagonisti tutti coloro che lavorano nel settore. L’evento è promosso da Comune di Milano, Assessorato alla Cultura, SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori), FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana), ASSOMUSICA (Associazione Italiana Organizzatori e Produttori Spettacoli di Musica dal Vivo) e NUOVOIMAIE (Nuovo Istituto Mutualistico Artisti Interpreti o Esecutori), con il patrocinio del MiBAC Ministero per i beni e le Attività Culturali.

Anche per questa edizione, Viacom International Media Networks Italia, azienda guidata dall’A.D. Andrea Castellari, si conferma main partner della Milano Music Week, con i brand VH1 e MTV. La registrazione di un nuovo episodio di “VH1 Storytellers”, lunedì 18 novembre, sarà come di consueto la serata inaugurale della Milano Music Week, artista e location verranno comunicati più avanti. Viacom Italia realizzerà anche un evento a brand MTV ancora in via di definizione.

Dedicato al mondo B2B sarà Linecheck Music Meeting & Festival, main content partner della Milano Music Week per il terzo anno consecutivo. Organizzato da Music Innovation Hub, Linecheck ospita a BASE Milano più di 1500 delegati del settore, 150 speaker, 70 panel, workshops, receptions e networking sessions. Obiettivo di Linecheck è creare ponti tra industrie creative diverse ma confinanti, tra il business italiano e il resto del mondo. Per la prima volta Linecheck annuncia un guest country: Il Canada, con contenuti speciali, concerti e un’ampia delegazione che arriverà a Milano per l’occasione. Con il motto “Shape Your Future”, ogni anno Linecheck dà appuntamento all’industria musicale italiana per affrontarne i temi caldi, dalle tendenze artistiche, alle strategie commerciali e distributive, non dimenticando una particolare attenzione al valore sociale della musica: sotto il claim “Sounds Like Diversity”, l’edizione 2019 pone particolare attenzione ad inclusione e diversità. Linecheck festival proporrà 50 showcase sulle nuove tendenze, di giorno per delegati della conference, di sera nei club di zona Navigli-Tortona.

Tante anche le partnership di rilievo che accompagneranno la MMW2019. Fra i content partner ritroveremo sicuramente Accordo per Music Show Milano, la fiera di strumenti moderni nata per valorizzare e sostenere la cultura e la musica suonata in Italia e RTL 102.5, che seguirà la manifestazione con interviste e collegamenti.

L’invito aperto a tutti è quindi quello di inviare alla mail proposte@milanomusicweek.it gli eventi che la curatela potrà valutare ed inserire nel programma della Milano Music Week 2019.

Video Daniele Aitis 

di adelia.brigo@varesenews.it
Pubblicato il 21 Giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore