Malpensa, qualche dato sul cargo del 2019: “Buoni margini per il futuro”

Il direttore di Air Cargo Italy ci ha fornito qualche dato sul cargo di Malpensa del 2019: “Nel 2019 un calo generalizzato del settore, ma noi abbiamo recuperato quote di mercato. E ci sono margini di crescita”

Ecco "Monte Rosa", il nuovo Boeing di Cargolux a Malpensa (inserita in galleria)

«Nei primi mesi, Malpensa ha sofferto il generale calo del cargo aereo, un trend diffuso nei grandi scali. Poi però, da settembre, ha recuperato una quota di mercato». Abbiamo fatto qualche domanda a Nicola Capuzzo, direttore di Air Cargo Italy, il sito d’informazione dedicato al trasporto aereo.

Capuzzo ha recentemente intervistato il cargo manager di Sea Giovanni Costantini, da cui ha ricavato qualche dato interessante sulla situazione dell’aeroporto di Malpensa, che è il primo aereo in Italia per traffico merci e il secondo per numero di passeggeri dopo Roma Fiumicino.

«Dopo un calo generale dei primi mesi del 2019, Malpensa ha cominciato a recuperare terreno, soprattutto dalla Svizzera», afferma il direttore Capuzzo. «L’aeroporto, riprendendo le parole di Costantini, punta a diventare il principale scalo merci del Sud Europa, e in parte lo è già».

Qualche dato: nel 2018, Malpensa ha registrato 535mila tonnellate di merci; oggi, sempre secondo Costantini, ogni settimana ci sono 220 movimenti aerei all cargo o courier. Ma a quanto pare il bridge non ha influito: «Linate – spiega Capuzzo – è praticamente fermo sul mercato del cargo; Brescia sta crescendo ultimamente, ma nel nord Italia Malpensa è il leader incontrastato».

Quello che si può riscontrare guardando i dati è la continua crescita dell’e-commerce, della posta o delle merci leggere, ma anche un numero sempre crescente di spedizioni extra-large. Emblematica la spedizione record di Cargolux avvenuta a settembre: un rotore, destinato alla Cina, dal peso complessivo di quasi 44 mila chili.

Tra le novità per il prossimo futuro c’è l’apertura di un nuovo magazzino DHL, che entrerà in funzione a inizio 2020. «Malpensa – conferma Capuzzo – ha ancora capacità residua per ospitare slot aerei e charter per le merci. La notizia positiva per l’aeroporto della brughiera è che diversi aeroporti del nord, per esempio Amsterdam, sono ormai congestionati; Malpensa potrebbe approfittarne».

di caccianiga.marco@yahoo.it
Pubblicato il 25 Novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore