Il Coronavirus moltiplica il consumo di ossigeno liquido, nuovi impianti negli ospedali di Busto e Saronno

Con i due nuovi serbatoi di ossigeno liquido aggiuntivi agli esistenti appena installati l'ospedale di Busto ha ora una capacità di 5000 litri, quello di Saronno da 3000 litri

ospedale busto saronno ossigeno

L’emergenza ospedaliera legata alla cura di pazienti affetti da Coronavirus ha fatto esplodere l’esigenza quotidiana di ossigeno liquido al servizio dei trattamenti per i malati. Una richiesta che ha costretto le aziende sanitarie a correre ai ripari implementando pesantemente le riserve.

L’azienda ospedaliera ASST Valle Olona ha proceduto proprio in questi giorni ha incrementare gli impianti di servizio agli ospedali di Busto Arsizio e Saronno. Questa mattina, sabato 28 marzo,  è stato posizionato all’ospedale di Busto Arsizio un serbatoio di ossigeno liquido. Nel presidio ospedaliero bustocco, infatti, si è passati da una media di 1300 chilogrammi di consumo al giorno a una media di 4000 chilogrammi al giorno.

Analoga operazione è stata effettuata, qualche giorno fa, anche all’ospedale a Saronno: qui sono passati da un consumo medio di 800 chilogrammi al giorno a circa 3000 chilogrammi.

Con i due nuovi serbatoi di ossigeno liquido aggiuntivi agli esistenti appena installati l’ospedale di Busto ha ora una capacità di 5000 litri, quello di Saronno da 3000 litri.

ospedale busto saronno ossigeno

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 Marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore