La Uisp mette online il proprio protocollo anticovid

Il documento serve a regolare le attività sportive locali e nazionali disputate sotto l'egida dello "sport per tutti". La storia di Fabrizio Maiello. Milano, riparte il calcio

notiziario uisp varese

NOTIZIARIO UISP del 30 settembre 2020

VARESE – On line il protocollo anticovid Uisp

È disponibile anche sul sito del Comitato Territoriale Uisp di Varese (CLICCA QUI) il protocollo applicativo antiCovid per tutte le realtà Uisp. Un documento integrato con il coinvolgimento dei Settori di Attività Nazionali, con le indicazioni riguardanti l’organizzazione di eventi e competizioni Uisp di interesse nazionale e regionale.
Il segretario generale Uisp, Tommaso Dorati: «Il Protocollo è stato aggiornato a seguito del ricevimento della nota di chiarimento Prot. 8466 del 10 settembre 2020 del Dipartimento per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri (inviata in risposta ad espressa richiesta di Uisp Nazionale), ed è volto a fornire le indicazioni generali e le azioni di mitigazione necessarie durante lo svolgimento delle attività sportive compresi gli eventi e competizioni UISP di interesse nazionale e regionale».

Norme che riguardano l’uso della mascherina durante le competizioni, la possibilità o meno di utilizzare docce e spogliatoi, la necessità di registrare i presenti, rilevando la temperatura corporea e altro ancora. Tutto è pronto, e le asd associate Uisp sono pronte ad adattarsi, pur di continuare a fare sport. Per tutti.

STORIE UISP – I palleggi della vita: la storia di Fabrizio Maiello 

La storia di Fabrizio Maiello parla del valore sociale dello sport, senza troppi giri di parole. Uisp nelle carceri ci è entrata trenta anni fa e la storia di Fabrizio è quella di decine, centinaia di altre persone.
È un racconto scritto da decisioni sbagliate, percorsi difficili e attimi di rabbia, ma anche dalla redenzione, dal riscatto e dalla capacità di ritrovare se stessi alla fine di un grande viaggio. Tutto incorniciato dal calcio.
Dopo aver giocato nelle giovanili del Milan e del Monza, il percorso di Fabrizio si blocca per un infortunio al ginocchio, che spezza la sua futura carriera da calciatore.

In poco tempo Fabrizio finisce in un giro pericoloso fatto di crimini e sostanze stupefacenti, che lo conducono prima in carcere e successivamente all’OPG, l’ospedale psichiatrico giudiziario. Durante i diversi periodi di detenzione, il calcio lo aiuta sia con i detenuti che con le guardie e gli viene dato il soprannome di Maradona.
Ma in carcere arriva Vivicittà, storica manifestazione nazionale Uisp, che gli consente di riprendere in mano il pallone. Maiello partecipa a cinque edizioni di Vivicittà, e ritrova se stesso.

Dopo le diverse esperienze con Vivicittà, una volta libero Maiello va ad allenare la squadra “Zucchero”, composta da pazienti con problemi mentali e successivamente segue, attraverso un altro progetto Uisp, una squadra di ragazzi ad alto rischio di criminalità provenienti da famiglie disagiate o dal carcere minorile. Il messaggio che Fabrizio trasmette ai ragazzi che incontra è quanto siano importanti le piccole cose nella vita e che non bisogna forzare la mano per ottenere tutto subito. Il calcio, che un tempo rappresentava per Fabrizio uno strumento per essere famosi e rispettati, è diventato inclusivo, aggregativo e portatore di felicità.

LOMBARDIA – Tutti in campo! A Milano pronti a fare goal

Al via la stagione 2020/21 del calcio UISP. La voglia di tornare sul campo e indossare le scarpette per “il gioco più bello del mondo” è tanta, e Uisp è pronta a soddisfare tutti gli sportivi e gli appassionati. Il calendario infatti prevede tornei e campionati di calcio a 11, a 7 e a 5, inoltre continuerà il calcio camminato, novità da poco introdotta nel panorama Uisp, ma che ha già trovato molti estimatori per le possibilità che apre a chi pensava di doverr “appendere le scarpette al chiodo”.

Il settore arbitri è pronto e aggiornato alle ultime regolamentazioni, è anche confermata la presenza della terna arbitrale per il calcio a 11. «Sappiamo che la voglia di ricominciare è tanta, – spiega Natalia Generalova, presidente del Comitato di Milano di UISP – siamo pronti con proposte di eccellenza per tutte le categorie, nessuno escluso. La nostra sede di via Guerzoni a Milano è aperta e i nostri uffici sono in piena attività. Non esitate a contattarci per avere maggiori informazioni».
I contatti della sede di Milano:  0283428950  – 0283428951 – milano@uisp.it

SPECIALE UISP – Tutti gli articoli di VareseNews in collaborazione con UISP Varese

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 30 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore