Ecco la nuova giunta Fontana, Letizia Moratti assessore alla sanità e vicepresidente

Tra le novità l'ingresso di Alessandro Mattinzoli alla casa e social housing e la delega "metropolitana" al leghista Stefano Bolognini. La scelta più importante quella sulla sanità: "Gallera ha condiviso l'avvicendamento"

attilio fontana

Letizia Moratti al posto di Gallera, ma non solo: ecco la giunta Fontana-bis, frutto del rimpasto reso necessario dalle difficoltà Covid. Difficoltà riconosciute in qualche modo da Attilio Fontana, che ha parlato dell’inserimento di «nuove forze fresche per continuare a guardare con determinazioni e ricominciare a correre con la stessa forza con cui la Regione aveva corso negli anni precedenti».

Letizia Moratti è assessore alla sanità e al welfare, ma anche la nuova vicepresidente (al posto di Fabrizio Sala, che tiene deleghe a università e semplificazione). Entra Alessandro Mattinzoli si occuperà di casa e housing sociale, ma lascia lo sviluppo economico al leghista Guido Guidesi.

Altra novità di peso la super delega a Stefano Bolognini, già “assistente territoriale” di Salvini: oltre che di giovani e comunicazione avrà la delega alla “città metropolitana”: delega importante dal punto di vista politico nell’anno in cui a Milano si va a votare per il sindaco della metropoli. Alessandra Locatelli si occuperà di famiglia, disabilità, pari opportunità (era già ministro nel governo Conte I, quello gialloverde, con le stesse deleghe)

Per il resto conferme: Stefano Bruno Galli all’autonomia e cultura, Fabio Rolfi all’agricultora e sistemi verdi, il varesino Raffaele Cattaneo all’ambiente, Davide Caparini al bilancio, Massimo Sertori agli enti locali e montagna, la bergamasca Claudia Maria Terzi ai trasporti e infrastrutture, Melania Rizzoli a formazione e lavoro, Lara Magoni turismo e moda, l’inossidabile Riccardo De Corato alla sicurezza, Pietro Foroni alla Protezione Civile.

Sono stati nominati sottosegretari Antonio Rossi, Fabrizio Turba, Alan Rizzi e Marco Alparone.



Fontana ha ringraziato anche gli assessori uscenti non riconfermati, «Silvia Piani, Martina Cambiaghi, Giulio Gallera». E proprio a Gallera ha riservato una sottolineatura: «Ha svolto un lavoro molto pesante in questi mesi ed era particolarmente stanco, ha condiviso un avvicendamento» ha detto Fontana, volendo così smentire i retroscena che volevano un Gallera ancora molto combattivo, che voleva mantenere un assessorato.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 08 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore