Varese News

In un mese e mezzo a Malpensa sequestrati 600 chili di salumi e pollame

Prodotti fuori dalla UE, arrivano al seguito dei viaggiatori. Le norme europee fissano paletti ben definiti

Malpensa Generiche

I funzionari dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli all’aeroporto di Malpensa, con la collaborazione dei militari della Guardia di Finanza, hanno fermato e distrutto, dall’inizio dell’anno, oltre 600 chili di prodotti di origine animale rinvenuti in cattivo stato di conservazione.

Si tratta per lo più di scorte alimentari a carattere non commerciale quali carne, pollame, prodotti lattiero caseari, che arrivano stipate tra gli effetti personali di viaggiatori prevalentemente provenienti dall’area Nordafricana.

Il Regolamento europeo 206/2009 stabilisce che tali scorte, provenienti da paesi extra UE, debbano essere dichiarate per essere assoggettate a controllo veterinario e, qualora non conformi, essere sottoposte a distruzione per evitarne l’ingresso nell’Unione.

“Il fenomeno riguarda prodotti destinati al consumo personale che, nonostante i modici quantitativi, potrebbero veicolare agenti patogeni, causa di diffusione di malattie degli animali, con conseguenti gravi ripercussioni nella salute pubblica e nella sanità animale”.

Malpensa Generiche

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore