Basket Uisp di nuovo in campo: “Sappiamo che dovremo adattarci”

Le squadre iscritte al campionato sono tornate in campo anche se la formula non è ancora definita con certezza. «La cosa più importante resta la sicurezza»

pallone basket

«Ogni settimana giocata, è una settimana guadagnata. Soprattutto per i ragazzi». È con un invidiabile spirito di adattamento, riassunto in questa frase, che Renato Vagaggini e tutto il team della Struttura di Pallacanestro Uisp Varese sta affrontando questo periodo di incertezza e di aperture altalenanti e difficilmente prevedibili.

Con la “zona arancione” scattata lo scorso 12 aprile, le 52 squadre iscritte al campionato varesino sono tornate sul parquet, con tutte le limitazioni e le cautele del caso. Del resto, dice Vagaggini, «è indicativo che ci siano solo 8 squadre senior tra quelle iscritte in questo strano anno: gli adulti possono ancora aspettare a tornare in campo, per i ragazzi spesso il basket è una valvola di sfogo irrinunciabile».

Distanziamento in panchina, sanificazione, chiusura al pubblico e rilevazione della temperatura: le regole di base sono queste. In più, come gentlemen agreement non obbligatorio c’è il tampone 48 ore prima di ogni partita: una precauzione in più, adottata volontariamente dalle asd coinvolte per dare una garanzia in più ai giocatori e soprattutto alle famiglie. «Siamo consapevoli che questo sarà l’anno degli adattamenti continui – spiega Vagaggini – l’idea iniziale era quella di iniziare i playoff al 20 giugno, ma lo stop di queste settimane ci sta imponendo un cambio in corsa. Per ora stiamo cercando di recuperare con turni di partite infrasettimanali, e più avanti decideremo se correre come ora o rinunciare ai playoff e continuare con i recuperi. Del resto, mai come quest’anno le priorità sono chiare: lo sport deve essere divertimento, deve rendere felici. Tutto il resto, l’agonismo spinto e la ricerca della performance a tutti i costi, sono in secondo piano».

Troppe le incertezze legate alle chiusure possibili, in questa stagione, ma di sicuro le idee per ripartire non mancheranno: nelle puntate di Overtime Live, la diretta del lunedì sera che la Struttura Pallacanestro Uisp Varese porta avanti sui propri social, si è spesso parlato di possibili campionati estivi all’aperto. Idee ancora lontane dal diventare concrete, ma in questo strano anno tutto è possibile.

L’importante, come sottolinea Vagaggini «è la volontà di restare in campo in sicurezza, di tutelare i ragazzi sia sotto l’aspetto di una possibile infezione da coronavirus, sia dal punto di vista del loro bisogno di vivere». Già, perché lo sport per tutti è vita, e questi stop continui lo stanno dimostrando oltre ogni dubbio.

SPECIALE UISP – Tutti gli articoli di VareseNews

di
Pubblicato il 21 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore